“Hanno rovinato il più bel giorno della mia vita”. Lettera aperta di Caterina Misuraca dopo l’archiviazione del processo “Delta”

tribunale_lamezia

Caterina Misuraca, agli arresti domiciliari, ottenne nel 2010 dal gip un permesso per il tempo necessario che le consentisse di sposarsi. Analoga autorizzazione fu concessa al padre della donna, Raffaele Misuraca, anch’egli arrestato nella stessa operazione. La donna partecipò poi anche al ricevimento in un albergo di Lamezia.
Nell’inchiesta insieme a Caterina Misuraca finirono suo padre, l’imprenditore Raffaele Misuraca, Pierpaolo Muraca, Giuseppe Bilotta, Roberto Persico (allenatore della Virtus Sambiase), Gianluca Cugnetto, Antono Renda, Pasqualino Renda, Gennaro Renda, Giuseppe Fabio Cristiano, Francesco Muraca. Anche per loro è stata archiviata la posizione giudiziaria dalla magistratura.