Il Papa attraverserà la città in papamobile

La tanto attesa visita del Papa si avvicina inesorabilmente. Papa Benedetto XVI atterrerà con l’aereo pontificio poco dopo le ore 9. E verso le 9,30 farà ingresso nell’area industriale, per celebrare fino a mezzogiorno la Santa Messa trasmessa in eurovisione. Poi, passando per Sambiase, si dirigerà con la papamobile verso Via Lissania, per andare a pranzare al vescovato, e dopo un breve riposo, verso le 16, il Papa con la papamobile, e non è escluso che se farà bel tempo si muoverà con una mercedes decapottabile,  si dirigerà allo stadio “D’Ippolito“, dove lo aspetta un elicottero che lo porterà alla Certosa di Serra San Bruno. Alle 19,30 l’elicottero torna all’aeroporto lametino dove l’aereo papale decollerà per Roma. Sarà un vero e proprio bagno di folla per Benedetto XVI che va ben oltre le aspettative del Vaticano. 100 mila finora le prenotazione dei fedeli per l’Angelus, che si terrà nell’area ex Sir. Ma altre migliaia di persone lo aspetteranno ai bordi delle vie tra i quartieri di Sambiase e Nicastro. Domenico Giani, comandante della gendarmeria vaticana, ha descritto il percorso del Papa. “E’ importante informare bene tutti prima che arrivino, e questo è un compito che tocca soprattutto alle parrocchie” hanno spiegato il prefetto Antonio Repucci e il questore Vincenza Rocca. Quindi chi vuole assistere all’Angelus deve arrivare prima delle 8 . Sia che arrivi con gli autobus, sia chi sceglie la propria macchina. Si tratta di un pellegrinaggio, e il fatto che alcuni debbano fare 5 km a piedi, non ferma i fedeli. Per quanto riguarda il fattore economico il Comandante Giani ha detto: “Dal Vaticano quando il Papa fa un viaggio chiediamo sempre che non si facciano spese inutili e qui a Lamezia non se ne stanno facendo. Bisogne considerare che tante opere rimangono, anche la realizzazione dell’area attrezzata per la messa alla Sir”.  Il Comune spenderà 300 mila euro per attreezzare l’area ex Sir e costruire il palco, e 150 mila all’organizzazione della Curia lametina.