In casa con una 44 magnum. In manette Agostino Lembo

Un revolver calibro 44 magnum e diverse munizioni dello stesso calabro. Un’arma perfettamente funzionante ma clandestina. Questo hanno scoperto i poliziotti del commissariato di Lamezia Terme diretto dal dirigente Antonio Borelli nel corso di una perquisizione.

L’arma in ottimo stato di conservazione e carica di 6 cartucce winchester calibro 44, è stata trovata all’interno di una scatola di cartone bianco, nascosta sotto un armadio metallico, nell’antibagno di un locale di proprietà di Agostino Lembo, 57 anni, che è finito in manette per detenzione illegale di armi e munizioni.

L’uomo è già comparso ieri mattina davanti al gip Barbara Borelli per la convalida dell’arresto con a fianco il suo legale di fiducia l’avvocato Fabrizio Falvo. L’arrestato ha spiegato che il posto dove è stata trovata l’arma è accessibile a più persone, negando quindi che quell’arma fosse sua.

Il gip si è a quel punto riservato di decidere sulle richieste del pubblico ministero, Luigi Maffia, che ha chiesto l’applicazione della misura cautelare in carcere, e dell’avvocato Falvo che ha chiesto la scarcerazione sulla base degli elementi forniti durante l’interrogatorio del suo assistito.

La decisione del gip è dunque prevista per oggi. Lembo, già conosciuto alle forze dell’ordine, è finito nei guai nell’ambito dell’attività di prevenzione e repressione su tutto il comprensorio lametino finalizzato al contrasto di reati in genere ed in particolare teso alla ricerca di armi e munizioni illegalmente detenuti.

E proprio in uno di questi servizi investigativi da parte della polizia di Stato, che ha eseguito numerose perquisizioni domiciliari a carico di soggetti gravati da pregiudizi di polizia ma anche di persone non conosciute dalle forze dell’ordine, è scattato l’arresto di Agostino Lembo.

I poliziotti infatti, nel corso della perquisizione domiciliare effettuata presso la sua abitazione di località Marinella, hanno rinvenuto e sequestrato il revolver 44 magnum.

Sia la matricola presente sulla canna che quella sul fondello del calcio sarebbero risultate abrase. E durante la perquisizione gli agenti hanno inoltre rinvenuto, nel bagno, una scatola winchester con 23 cartucce sempre calibro 44 e vari attrezzi per la pulizia dell’arma mentre, nello studio, è stata trovata una bomboletta spray di olio utilizzato verosimilmente per la pulizia dell’arma ed un bossolo esploso dello stesso calibro.

Per Agostino Lembo, con precedenti penali e di polizia per violazione in materia di armi e reati contro il patrimonio, è quindi scattato l’arresto ma ieri mattina l’indagato si è difeso in attesa della decisione del gip attesa per la giornata di oggi sia sulla convalida dell’arresto che sulle richieste del pm e della difesa. (fonte IL QUOTIDIANO)