La famosa chef Rosetta Costantino ospite in Calabria, il Presidente della Provincia di Cosenza Iacucci esalta le eccellenze del settore: “Un orgoglio per tutti noi”.

COSENZA – «Mi fa sempre un enorme piacere quando si ha l’occasione di conoscere e far conoscere le nostre eccellenze che danno lustro alla Calabria intera all’estero» – dichiara in una nota Franco Iacucci, Presidente della Provincia di Cosenza, «in questo caso, si tratta di una straordinaria donna di successo, Rosetta Costantino, originaria di Verbicaro che in questi giorni è ospite ad Altomonte presso la tenuta Barbieri, nel corso di uno dei suoi famosi culinary tours. Grazie a questa felice  coincidenza, ho avuto modo di scoprire la storia di Rosetta e quanto sia apprezzato il suo lavoro negli Stati Uniti. Rosetta non è solo una cuoca ma è ambasciatrice della nostra cucina, dei nostri prodotti, di una qualità della vita che nella nostra regione è quasi una filosofia: i sapori, i colori, gli odori della nostra terra coniugati al piacere della buona tavola».
Rosetta Costantino, dopo 20 anni di lavoro nella Silicon Valley, ha deciso di ritirarsi e di dedicarsi alla sua grande passione: la cucina, legandola alle sue origini mai dimenticate. E’ diventata in poco tempo un punto di riferimento con i suoi libri, le sue lezioni di cucina e i suoi tours. Quello in corso, che si svolge dal 2 al 10 Giugno dal titolo “Culinary Immersion in Calabria” è già sold out, da Rossano (da Casa Solares) ad Altomonte una vera e propria immersione nella nostra Provincia e nelle sue specialità enogastronomiche.
«A volte ci dimentichiamo, immersi nei problemi quotidiani dell’amministrare, di quanto sia bella e ricca di opportunità la nostra terra. Quando persone come Rosetta, innamorate del Sud e della Calabria, ce lo ricordano abbiamo il dovere di ringraziarle e per questo ho voluto farlo pubblicamente. Spero che la sua storia, la sua passione, il suo entusiasmo possano essere da esempio anche ai nostri giovani. Penso soprattutto ai tanti ragazzi che nei nostri Istituti Alberghieri o Agrari fanno parte integrante di quella filiera agroalimentare che ci sforziamo di rafforzare e promuovere, a loro va il mio pensiero quando ascolto storie di successo come quella di Rosetta e mi auguro che un giorno potremo leggere dei loro successi, magari facendo in modo che restino qui da noi, in Calabria» ha concluso Iacucci.