Lamezia, convegno “Il racconto del Codice” al Festival della Scienza

LAMEZIA TERME – Ieri 19 dicembre ospite del Festival della Scienza l’ On. Prof. Domenico Romano Cardarelli, Presidente dell’Accademia Regionale dei Bibliofili Calabresi “G.Barrio”, ha presentato al Liceo Scientifico “Galileo Galilei”di Lamezia Terme, il “Codice Romano Carratelli”,in sinergia con il F.A.I.
Il Codice Manoscritto del Cinquecento è composto da novantanove acquerelli ed è stato descritto dal suo propietario l’On. Prof. Domenico Romano Carratelli e inquadrato nel suo contesto storico dalla prof.ssa Giovanna De Sensi Sestito ,ordinaria di Storia Greca presso l’Università della Calabria .
Il Manoscritto illustrato minuziosamente illustra la difesa del territorio della zona Costiera Calabrese e vi sono rappresentate le Torri di avvistamento e difesa del territorio.
L’onorevole Cardarelli ha spiegato che ancora non si conosce il nome dello scrittore del Codice ,ma esistono varie ipotesi.

Si pensa che l’opera sia rimasta ignota e secretata dal Governo Vicereale del Regno di Napoli per motivi di sicurezza.
Il Codice con la presenza dei suoi novantanove acquerelli e le minuziose descrizioni dei luoghi ,delle tipologie costruttive, delle distanze e spesso degli accenni ai Signori che avevano ordinato la costruzione delle Torri, costituisce una testimonianza storica e eccezionale per la storiografia Calabrese.
La Dirigente Teresa Goffredo ha promosso ancora una volta la cultura nelle scuole per la formazione degli studenti ,cittadini del mondo. L’onorevole Carratelli ha Donato al Liceo Scientifico un acquerello che ritrae il territorio di S.Eufemia .
“La cultura è un bene dell’umanità “ .”Fare dono della cultura è fare dono della sete ,il resto sarà una conseguenza “.

Gabriella Di Varano