Lamezia, l’Istituto Comprensivo Sant’Eufemia al “Maggio dei Libri 2018”

LAMEZIA TERME – Oggi 18 maggio L’Istituto Comprensivo S.Eufemia di Lamezia Terme ,conclude i lavori per “Il Maggio dei Libri 2018”,gli studenti hanno partecipato al laboratorio di scrittura creativa scrivendo le loro emozioni in versi.
I ragazzi hanno scritto un E-book delle loro poesie e si sono cimentati nella lettura del “Piccolo Principe “, hanno parlato di legalità leggendo il libro :”Mi chiamo Giovanni “.
La Dirigente Fiorella Careri ha accolto la sfida del Maggio dei Libri leggere ovunque! La lettura è ovunque nessun luogo è estraneo ai libri e ai lettori,gli studenti accompagnati dalla prof.ssa Caterina Sorrenti e dalle maestre si sono riuniti presso la Biblioteca Comunale “O.Borriello “di Lamezia Terme.
Il Maggio dei Libri sottolinea il valore della lettura come elemento chiave di crescita personale ,culturale e civile e si conclude il 31 maggio.
La lettura è un esercizio di libertà individuale, di pensiero e di azione. La nostra lingua è uno strumento di comunicazione che rivela la nostra visione del mondo e la nostra realtà.
Gli studenti sono stati chiamati a partecipare a occasioni di lettura condivisa:in biblioteca, a scuola ,al parco ispirati dalla fantasia.
Anche quest’anno sarà assegnato il Premio Maggio dei Libri 2018, i primi classificati riceveranno un Kit di libri.
Quest’anno il Maggio dei Libri è presente anche nelle Carceri,nei negozi ,nelle biblioteche e nelle piazze per promuovere un Italia che legge. Promosso dal Ministero dei Beni Culturali e del Turismo, in collaborazione con il Ministero dell’ Università e della Ricerca, sotto il Patronato del Presidente della Repubblica e il patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l ‘Unesco, avvalendosi del supporto della Presidenza del Consiglio dei Ministri e della Conferenza della Regioni e delle Province Autonome e dell’ Associazione Nazionale Comuni Italiani.
Il Maggio dei Libri si conclude con 3.031 iniziative iscritte nella banca dati ,regalando sempre soddisfazioni e emozioni nuove e la consapevolezza che agli italiani piace leggere.
“La Cultura è l’arma del cambiamento”.

Gabriella Di Varano