Lamezia Terme: bomba davanti al negozio Pittarello inaugurato sabato 29 ottobre

Volete sapere come la ‘ndrangheta da il benvenuto a chi decide di investire capitali nel mercato e nell’economia calabrese e lametina? La ‘ndrangheta che pensa di dover avere il controllo assoluto sull’economia locale, facendo circolare sempre la solita stessa moneta? Colpendo attorno alle 22:45 del 31 ottobre, nel parco commerciale di Feroleto Antico, a due passi dal centro commerciale Due Mari, un grosso franchising calzaturiero del nord est, Pittarello, che ha aperto da appena due giorni riscuotendo un grosso successo di pubblico. Incuranti della gente, ignoti hanno fatto fare un gran botto, probabilmente con una bomba di medio alto potenziale, all’ingresso del noto negozio Pittarello, mandato in frantumi la vetrata d’ingresso e provocando danni alla scritta posta all’ingresso e all’altra ben visibile posta sul tetto.  I carabinieri di Lamezia sono prontamente intervenuti sul posto, assieme ai vigili del fuoco del distaccamento di Caronte, e hanno avviato le indagini. I responsabili del franchising avrebbero semplicemente riferito quanto già a conoscenza di molti in città, ovvero che nei due giorni di apertura, il 29 e 30 scorsi, avevano registrato una buona risposta di pubblico. Forse questa buona accoglienza al nuovo marchio,  da parte dei cittadini di Lamezia e dell’hinterland, deve aver dato fastidio. Da qui, probabilmente il messaggio esplosivo.