Lamezia Terme: incendiate due automobili

Ennesimo episodio di violenza, il terzo avvenuto nella giornata odierna a Lamezia Terme. All’alba di stamattina due automobili di proprietà di un ispettore della polizia penitenziaria e della moglie sono state incendiate. Le vetture, una Ford Focus ed una Fiat Cinquecento, erano parcheggiate nei pressi dell’abitazione dell’ispettore, che lavora nel carcere di Vibo Valentia, dove qualche settimana fa i detenuti sottoposti a regime di alta sicurezza avevano attuato una protesta contro le restrizioni disposte nei loro confronti. A dare notizia dell’intimidazione è Gennarino De Fazio, componente della Direzione nazionale della Uil Penitenziari. “Al collega – afferma de Fazio – giungano i nostri più vivi sentimenti di solidarietà e vicinanza, nella certezza che questi vili atti intimidatori non potranno in alcun modo avere influenza sulla professionalità e sull’impegno che tutta la polizia penitenziaria di Vibo Valentia e dell’intera Calabria, profonde ogni giorno, sebbene in condizioni di estrema difficoltà operativa. Se poi c’ è un nesso tra quella protesta e l’atto intimidatorio di oggi, saranno le indagini a verificarlo“.