LAMEZIA TERME: sei quintali di botti e lucine a rischio. Scattano i sequestri

botti-illegali-lamezia_400

I carabinieri l’hanno chiamata “Operazione Firework”. Ad agire sono stati i militari del nucleo operativo lametino e quelli delle stazioni di Lamezia Principale e di Sambiase. L’obiettivo è quello di garantire un maggiore livello di sicurezza durante le festività, prevenendo i rituali bollettini di guerra che si registrano nelle primissime ore dell’anno nuovo.
I carabinieri hanno perquisito l’abitazione di F.B. trovando una vera e propria polveriera. I fuochi d’artificio erano tutti detenuti illegalmente e sprovvisti delle autorizzazioni. Il materiale è stato sequestrato e distrutto.
In un’altra operazione natalizia, questa volta della guardia di finanza, sono state sequestrate illuminazioni di fabbricazione cinese totalmente a rischio. Due persone asiatiche sono state denunciate, 71 mila luci sequestrate.
Anche in questo caso c’è trattato di un’attività di prevenzione per garantire l’incolumità di tanta gente in queste festività.
I Baschi verdi hanno sottoposto a controllo due aziende, gestite e condotte da imprenditori cinesi che commerciano all’ingrosso abbigliamento ed accessori provenienti dal mercato asiatico. Gli investigatori hanno individuato diversi impianti d’illuminazione per addobbi natalizi completamente privi delle informazioni previste e obbligatorie per la corretta commercializzazione. (Gazzetta del Sud – G.na.)