Musica, TRE X TRE – “Swinging Melodies” al Jazz Club Room 21 Speakeasy di Soverato

Domenica 2 Giugno 2019 alle ore 19:30 sul “palco” del jazz club Room 21 Speakeasy, cocktail bar dall’atmosfera raffinata e ricercata situato nel cuore di Soverato, eccezionale appuntamento con uno trio di musicisti tra i più importanti del panorama jazz italiano e molto apprezzati anche in ambito internazionale: TRE X TRE – “Swinging Melodies” composto da Santi Scarcella alla voce ed al piano, Carmelo Coglitore ai sassofoni e Cecilia Sanchietti alla batteria.
Il nuovissimo trio eseguirà brani originali di ognuno dei tre musicisti. Inoltre eseguirà arrangiamenti estemporanei di canzoni evergreen per un concerto entusiasmante e coinvolgente. A fine concerto seguirà jam session aperta a tutti i musicisti.
Il trio è composto da musicisti d’eccezione: Santi Scarcella, jazzista, concertista e cantautore reduce dall’esibizione al Concertone del Primo Maggio di Roma dove ha eseguito “Tra sabbia e neve”, brano sull’emigrazione e “Signuri fammi sta grazia” che ha acceso la piazza S. Giovanni; Carmelo Coglitore, poliedrico e virtuoso sassofonista, astro nascente del jazz italiano e Cecilia Sanchietti, batterista e compositrice Top Jazz 2018.

Santi Scarcella, pianista, compositore e cantante, completa la sua formazione con la Laurea in Jazz al conservatorio S. Cecilia di Roma, con il massimo dei voti. Compone musica per spot pubblicitari, teatro e tv; fiero portatore sano del “Ciuri Ciuri Jazz” e grande amante del Live, ha all’attivo tre pubblicazioni che mostrano una chiara evoluzione artistica. Attualmente impegnato nella produzione del suo nuovo lavoro “Da Manhattan a Cefalù”, viene considerato uno dei più interessanti artisti jazz contemporanei e seguito da un pubblico sempre crescente e una critica curiosa e attenta.

Carmelo Coglitore, clarinettista e sassofonista messinese tra i più virtuosi del panorama jazz italiano: “Si interessa alla musica esplorando i vari generi, dalla classica al jazz, apprezzando le forme più popolari”. Inizia il suo percorso suonando nella banda musicale del proprio paese. Si diploma in clarinetto al conservatorio “F. Cilea” di Reggio Calabria in meno di 2 anni sotto guida del M° Carmelo Crisafulli perfezionandosi poi con il Primo Clarinetto del Teatro La Scala: Fabrizio Meloni. Si dedica allo studio della musica Jazz studiando e seguendo seminari con: Orazio Maugeri, Claudio Cusmano, Gianni Basso, Joe Lovano, Salvatore Bonafede, Franco D’Andrea. Nel 2001 incide, con il gruppo Bluebossa, il cd “Maj 7” al sax tenore e al clarinetto. Frequenta i corsi di perfezionamento della “The Berklee Summer School at Umbria Jazz at Clinics 2001”. Nel 2002 vince il Secondo Premio al “VII Concorso Nazionale di Musica Classica e Jazz Premio Città Di Colleferro” aggiudicandosi una borsa di studio per i seminari di Siena Jazz. Nel dicembre del 2002 fonda, insieme a coloro che saranno i suoi fraterni compagni di viaggio, il quartetto Mahanada. Nel 2003 si diploma, con il massimo dei voti e la lode, in Musica Jazz al Conservatorio “F. Cilea” di Reggio Calabria. A giugno del 2003, in veste di rappresentante italiano, partecipa, con i Mahanada, alla “XI BIENNALE DEI GIOVANI ARTISTI DELL’ EUROPA E DEL MEDITERRANEO” tenutasi ad Atene. Nel febbraio 2004 collabora, in qualità di arrangiatore e clarinettista, con la “Far Fly Music Comunità”, una big band nata in memoria di Luca Flores e coordinata da Salvatore Bonafede ed Alessandro Di Puccio. A giugno 2004 partecipa, con il gruppo Mahanada, al Jazz Festiva di Klaipeda in Lituania esibendosi in tutti i più importanti Jazz Club di Kaunas e Vilnius. Nel 2006 viene invitato dalla New York University a presentare il progetto Taranta’s Circles alla Casa Italiana Zerilli-Marimò esibendosi nei più importanti club dell’avanguardia di New York. Nel 2006 collabora con diversi gruppi di Improvvisazione Totale Collettiva con la Sound Painting Itailan Orchestra, il primo organico jazz italiano che segue un particolare protocollo di improvvisazione fondato da Walter Thompson. Nell’aprile del 2008 esce il cd registrato a New York con il quartetto Manahada dal titolo Mannahatta per la casa discografica Splas(h) Records. Studia con Franco D’Andrea presso il Conservatorio F. A. Bonporti di Trento dove si laurea in jazz nel 2008. Dal 2008 si trasferisce a Reggio Calabria dove svolge un’intensa attività di sperimentazione musicale definita “Museum Workshop” presso il Museo dello Strumento musicale creando degli eventi musicali interattivi, organizzando le varie forme d’arte (Musica, Poesia, Danza etc…) attraverso un protocollo di conduzione creativa definita “Conduction”. Intreccia rapporti internazionali con la Polonia partecipando al IV° Festival della Musica Organistica e Camerale “Per Arte ad Astra” Krasnobród 2010, dirigendo l’Orchestra Giovanile da Camera ”DIVERTIMENTO” di Varsavia. Nel 2016 selezionato da MIDJ ha rappresentato l’Italia per la prestigiosa “Residenza d’artista Italo-Francese” presso la Casa del Jazz di Roma. Si esibisce al Jazz Festival Internazionale di Sibiu in Romania. Si esibisce spesso al Roccella Jonica Jazz Festival in cui coinvolge spesso i propri allievi. È di prossima pubblicazione il suo metodo per l’approccio all’improvvisazione specifico per musicisti con esclusiva formazione classica “Instant Musique”. Attualmente è docente di sassofono presso IC CENTRO 1 di Brescia.

Cecilia Sanchietti, batterista, compositrice, didatta, direttrice artistica del Festival WInJazz – Women in Jazz (vincitore Bando Jazz MiBACT 2015 e Bando Teatri in Comune 2016). Endorser Pasha Cymbals, Valmusic Pro. Nel 2017 vincitrice per Sabian brand del contest internazionale a New York City “HLGC 2017”, contest per batteriste da tutto il mondo. Top Jazz 2018 (terza posizione). Nel 2009 riceve l’“Outstanding Musicianship Award” dalla Berklee College of Boston come musicista di talento. Produce il suo primo Album da leader “Circle Time” nel 2015 con la Alfa Music e le note di copertina di Dario Zigiotto (featuring David Boato, tromba). L’album è stato presentato in un tour internazionale: Casa del Jazz (Roma), Batterika Festival (Roma), Filodrammatica (Rjieka, Croazia), KinoTeatr Rialto (Katowice, Polonia), Karamel (Londra, UK), B-Flat e Cafè Taso (Berlino), Lucca Jazz Festival. Il disco è vincitore del bando “La notte dei musei 2014”. Nel 2018 crea il suo secondo lavoro “La terza via – The third side of the coin” con ospiti ed etichetta internazionale, la “BluJazz”. Tour europeo in corso. Ha collaborato negli anni e collabora (tra gli altri) con: Marco Siniscalco, Pierpaolo Principato, Nicolas Kummert (BG), Igor Gehenot (BG), Lela Kaplowitz (HR), Alex Woods (USA), Pierpaolo Ranieri, Marco Guidolotti, David Boato, Enrico Zanisi, Stefano Scatozza, Federica Zammarchi, Arturo Valiante, Giorgio Cuscito, Gianluca Massetti, Adriano Urso, Francesca Tandoi, Caterina Palazzi. Dal 2009 al 2016 ha collaborato all’interno dell’Orchestra del 41esimo parallelo diretta da Stefano Scatozza, con: Javier Girotto, Rita Marcotulli, Giovanna Marini, Nada, Andrea Satta, Lucilla Galeazzi, Cristina Comencini, Lunetta Savino, Gabriella Aiello, Raffaella Misiti. Altre principali collaborazioni continuative in ambito teatrale e cantautorale: Carmen Consoli (2011), Luca Madonia (2011), Movin Melvin Brown, Marco Rea, Agnese Valle, Mariangela Aruanno.

L’occasione di ascoltare un concerto così raffinato nell’atmosfera retrò del jazz club situato nel cuore di Soverato è prestigiosa ed imperdibile, per appassionati di jazz e non solo, che potranno lasciarsi trasportare dalle note sorseggiando cocktail originali, distillati, vini e birre di assoluta qualità accompagnati da succulenti piatti frutto di una continua ricerca e selezione di prodotti.