PAPA: CHI SOFFRE PER COLPA DELLA CHIESA MEGLIO DI ‘FEDELI DI ROUTINE’

Sono circa 100 mila i fedeli presenti questa mattina alla messa del Papa nella spianata dell’aeroporto turistico di Friburgo. Il dato calcolato dagli organizzatori e’ stato confermato dalla polizia locale. Benedetto XVI al suo arrivo ha fatto un lungo giro tra i settori in Papamobile, raccogliendo il tributo calorosissimo dei cattolici del Sud della Germania che sono oggi la maggior parte, anche se non mancano gruppi giunti da diverse regioni del Paese.

AGNOSTICI E FEDELI IN FUGA MEGLIO DEI CRISTIANI DI FACCIATA “Gli agnostici, che a motivo della questione su Dio non trovano pace e le persone che – colpite come vittime o semplicemente scandalizzate da casi come quello della pedofilia – soffrono a causa dei peccati commessi da uomini di Chiesa e hanno desiderio di un cuore puro, sono piu’ vicini al Regno di Dio di quanto lo siano i fedeli ‘di routine’, che nella Chiesa vedono ormai soltanto l’apparato, senza che il loro cuore sia toccato dalla fede“. Lo ha detto il Papa nell’omelia pronunciata a Friburgo. Commentando la parabola dei figli inviati dal Padre a lavorare nella sua vigna, Benedetto XVI ha invitato i cattolici tedeschi a riflettere su questo messaggio che, ha detto, “deve scuotere  tutti noi”.Questo pero’ – ha chiarito – non significa affatto che tutti coloro che vivono nella Chiesa e lavorano per essa siano da valutare come lontani da Gesu’ e dal Regno di Dio. Assolutamente no! No, piuttosto e’ questo il momento per dire una parola di profonda gratitudine ai tanti collaboratori impiegati e volontari, senza i quali la vita nelle parrocchie e nell’intera Chiesa sarebbe impensabile“. Ieri sera nella veglia con 40 mila giovani riuniti alla Fiera di Friburgo per una sorta di Gmg locale, aveva spiegato che “il maggior danno per la Chiesa non viene dai suoi avversari, ma dai cristiani tiepidi“.