Reggio Calabria: resistenza a Pubblico Ufficiale e lesioni personali aggravate, arrestato 28enne pluripregiudicato

REGGIO CALABRIA – Nei giorni scorsi, personale della Polizia di Stato in servizio presso il Posto di Polizia di Arghillà ha arrestato per i reati di resistenza a Pubblico Ufficiale e lesioni personali aggravate Patrizio BERLINGERI, residente ad Arghillà, pluripregiudicato, già noto alle Forze dell’Ordine. Gli agenti, impegnati nel consueto servizio di controllo del territorio specifico nel quartiere di Arghillà, hanno ricevuto la richiesta di intervento, diramata dalla Sala Operativa della Questura, in merito ad un principio di incendio nei pressi del “Comparto 1” del quartiere reggino. Immediatamente, l’equipaggio ha individuato il punto di origine delle fiamme, ovvero delle sterpaglie ed un ammasso di cavi in rame incendiati nel cortile condominiale del comparto in questione. Nelle prime fasi operative finalizzate ad estinguere le fiamme, gli agenti hanno notato il BERLINGERI scappare dal luogo dell’incendio. Immediate le procedure di inseguimento da parte degli agenti che, dopo aver allertato altri equipaggi in zona, non hanno mai perso di vista il giovane che, nel tentativo di eludere il controllo e di rallentare le fasi dell’inseguimento, è entrato in un condominio chiudendo dietro di sé il portone con una veemenza tale da mandare in frantumi il vetro, le cui schegge hanno ferito il primo degli agenti impegnato nell’inseguimento. L’uomo ha cercato, invano, di fuggire tra i tetti dei vari comparti, al fine di far perdere le proprie tracce, ma è stato bloccato ed arrestato dai poliziotti per i reati di resistenza a Pubblico Ufficiale e lesioni personali aggravate, mentre l’agente è stato trasportato al Pronto Soccorso e visitato per ferite da taglio agli arti superiori, giudicate guaribili in 21 giorni.