Ricordando lo scorso Ferragosto con Pino Daniele a Diamante

pino_daniele_-_ruggero_pegna_400

Insieme all’affiatata band, ha illuminato il cielo del Ferragosto calabrese con le sue uniche e inimitabili melodie latin blues e il carisma di sempre, capaci di trasportare gli spettatori in uno straordinario viaggio di suoni, sensazioni e immagini, quelle create dagli splendidi acquarelli delle sue canzoni: dalle strepitose versioni di “Quando”, “Napule è”, “Quanno chiove”, cantate con tutto il pubblico, alle impareggiabili “Resta, resta cu’ mmè” e “Yes I know my way”, con cui si è congedato tra gli applausi scroscianti di un teatro consapevole di aver vissuto una notte magica.
Unanime il coro di consensi e superlativi di un pubblico letteralmente stregato.  Un grande concerto, un live speciale ricco di poesia, come solo artisti unici, vero patrimonio della canzone d’autore ma anche di tutta la cultura italiana, possono offrire…”.

A mio parere, è stato uno dei concerti più belli di Pino Daniele e, certamente, dei quasi trent’anni della mia rassegna “Fatti di Musica”. Ritrovarlo con un live così bello e intenso è stata, ancora una volta, una grande emozione. Ora che se n’è andato, resterà il ricordo di una persona sensibile e discreta, di un musicista davvero di livello mondiale, di un poeta autentico; resterà il ricordo di canzoni meravigliose, che la sua “lontananza” renderà ancora più struggenti; canzoni che ce lo riporteranno vicino in ogni momento in cui avremo bisogno della sua voce  e della sua musica per ritrovarci, riflettere, continuare ad emozionarci. Perché, in fondo, i nostri miti non muoiono mai.