Riunione operativa riguardante il Porto di Crotone

La vicenda del dragaggio dell’imboccatura del porto turistico di Crotone è stata al centro di una riunione operativa tenutasi questa mattina presso la Provincia di Crotone. All’incontro, convocato dall’assessore all’Ambiente Ubaldo Prati e dal dirigente di settore Alfredo Voce, hanno partecipato i rappresentanti dell’Autorità Portuale di Gioia Tauro, della Capitaneria di Porto di Crotone, dell’Arpacal-Dipartimento provinciale, dell’Azienda Sanitaria Provinciale, del comune capoluogo. Sono stati illustrati i risultati della caratterizzazione sui sedimenti dei fondali effettuata dall’Arpacal. Sulla base di ciò si è discusso circa la procedura da adottare per le autorizzazioni preliminari al progetto di ampliamento del molo. La progettazione strutturale è a cura dell’Autorità Portuale che ha già a disposizione un finanziamento di oltre 7 milioni di euro attraverso fondi Por della Regione Calabria. La riunione odierna ha inteso velocizzare l’iter necessario per portare a compimento gli interventi previsti. Prossimamente si terrà una Conferenza di Servizi per i pareri e le procedure degli Enti preposti. Sull’incontro di oggi esprimono soddisfazione il presidente ed il vice presidente della Provincia Stano Zurlo ed Ubaldo Prati. “L’avvio di tale attività -dichiarano- rappresenta in questa fase un forte segnale di ottimismo per una ripresa che parte proprio dal porto cittadino, un simbolo per la nostra comunità. Rimettere seriamente in moto il porto vuol dire rimettere in marcia tutta quella economia diretta ed indiretta che proprio dalle attività portuali può generare sviluppo”.