Secondo la deputata Angela Napoli in Calabria è emergenza rifiuti

L’emergenza rifiuti continua a tenere banco nel dibattito politico-istituzionale. Ieri è stata la deputata Angela Napoli a sollecitare un intervento del Governo sulla critica situazione calabrese che rischia di diventare esplosiva. E lo fa con un’interpellanza indirizzata direttamente all’Ufficio di presidenza di Silvio Berlusconi nonché al ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, rammentando che nessun provvedimento è stato adottato nonostante e dopo che “la Camera dei Deputati, alla fine dello scorso mese di giugno, abbia approvato la relazione shock della Bicamerale che ha fotografato la reali situazione dell’emergenza rifiuti in Calabria, congiunta con la risoluzione tendente a richiedere al Governo nazionale le iniziative necessarie a risolvere la situazione emergenziale”. Scrive la Napoli: “La Calabria è davvero al collasso e sta continuando a ritrovarsi sotto un aumento dello stato emergenziale dell’intero settore ambientale. L’unico impianto di termovalorizzazione dell’intera regione, Gioia Tauro, si ritrova soffocato dai rifiuti, costringendo i Comuni a dirottare per il conferimento Rsu a Pianopoli, a volte costretta a chiudere, perché satura. Il che evidenza il totale fallimento del sistema regionale dei rifiuti”. Di parere completamente diverso il consigliere regionale Agazio Loiero, secondo il quale, invece, l’impianto di termovalorizzazione di Gioia Tauro sarebbe addirittura sottoutilizzato, e quindi proprio in ragione di ciò sarebbe inutile un raddoppio di quel termovalorizzatore.