Storie di lavoro e legalità tra Calabria e Sicilia. Una nuova narrazione del Terzo settore

nunzia_copped_manifestazione_400

Seminario biregionale – Chiesa Santa Maria Alemanna Messina 21/22 novembre 2014 –

“Storie di lavoro e legalità  tra Calabria e Sicilia. Una nuova narrazione per il Terzo Settore”. E’ il tema conduttore del seminario che si terrà  alla Chiesa Santa Maria Alemanna venerdì 21 e all’Hotel Royal di Messina, sabato 22 novembre 2014, e che vedrà protagonisti i rappresentanti del mondo del sociale di Sicilia e Calabria. L’iniziativa rientra nelle attività del progetto FQTS (Formazione Quadri Terzo Settore) in cui le due regioni sono coinvolte insieme a Basilicata, Campania, Puglia e Sardegna. Il progetto è finanziato dalla Fondazione con il Sud ed è sostenuto sui territori da Forum del Terzo Settore, ConVol, CsvNet e Consulta Nazionale del Volontariato. Ad aprire i lavori alle 15 di venerdì sarà Angela Passari del Gruppo di pilotaggio FQTS Sicilia insieme a Mauro Giannelli, coordinatore nazionale del progetto FQTS. L’introduzione al seminario sarà affidata a Maria Lucia Serio, coordinatrice FQTS Sicilia.
Seguiranno i gruppi di lavoro che verteranno sul rapporto tra Terzo Settore le tematiche riguardanti l’immigrazione, i beni confiscati, l’ambiente e il territorio, la sanità.
Di immigrazione parlerà l’esperto Salvatore Daidone coadiuvato dal facilitatore Eugenio Vite, che è anche formatore di Partecipazione nell’ambito del progetto FQTS Calabria. Il gruppo di lavoro rifletterà sui dati del Dossier Immigrazione 2014 e su come la il Terzo Settore fa la differenza nella gestione dell’accoglienza e dell’integrazione sociale degli immigrati.
L’esperto Luciano Maria D’Angelo con la facilitatrice e formatrice di Ricerca della Calabria Marisa Meduri, dibatteranno su come i beni confiscati possano diventare volano di economia e occupazione, del ruolo che le istituzioni hanno nell’assegnazione di questi beni, della promozione della cultura della legalità consequenziale alla responsabilità di restituire alla collettività i beni appartenuti alla criminalità organizzata.
Il ruolo del Terzo Settore per la salvaguardia ambientale, l’adozione di nuovi stili di vita per educare a rispettare le risorse paesaggistiche e naturalistiche del territorio. La denuncia che il mondo del sociale può mettere in campo relativamente alle problematiche della devastazione dell’ambiente. Questi gli argomenti su cui disserterà l’esperto Filippo Sestito con la facilitatrice e formatrice di Ricerca della Sicilia, Tiziana Tarsia.
Nunzia Coppedè, coordinatrice di FQTS Calabria, sarà l’esperta del gruppo di lavoro che tratterà la complessa tematica della sanità; la facilitatrice del gruppo sarà Antonina Rosetto Ajello che è anche formatrice di Partecipazione della Sicilia. Insieme ci si chiederà se il Terzo Settore fa la differenza nella gestione di Rsa, centri diurni, centri di riabilitazione, ambulatori associati e quant’altro. Inoltre si disserterà su etica professionale e legalità contrattuale, di rafforzare la rete sociale per la presa in carico della persona al fine di favorire la sua inclusione sociale. 
A conclusione dei gruppi di lavoro si terrà il talk show “Che fine ha fatto Matteo Messina Denaro”con il giornalista – scrittore Giacomo Di Girolamo. A condurre il talk sarà Nino Amadore, giornalista del Sole24Ore. Parteciperanno il questore di Messina Giuseppe Cocchiara; l’assessore alla Cultura di Messina, Antonio Maria Perna; Giuseppe
Di Natale, portavoce Forum Terzo Settore Sicilia; Tiberio Bentivoglio, imprenditore di Reggio Calabria da anni vittima di continue intimidazioni da parte della ‘ndrangheta e il giornalista della Gazzetta del Sud Nuccio Anselmo.
Alle 20.30, concluderà la serata il concerto di musica popolare a cura de “I mandolini dei Nebrodi”.

La mattina di sabato 22 il seminario biregionale continuerà con lo spazio dedicato alla rielaborazione delle mappe concettuali già redatte nel seminario interregionale del progetto FQTS, svoltosi a Milano nell’ultimo week end del settembre scorso. La plenaria pomeridiana concluderà la due giorni di lavori che ha la finalità di creare nuove sinergie tra due regioni come Sicilia e Calabria. Nuove collaborazioni che si possono tradurre in nuove buone pratiche per cui il seminario messinese ha voluto gettare delle basi importanti, dando vita ad una ampia e articolata occasione di proficuo confronto.