Trovato cadavere a Stalettì, si tratta di omicidio

STALETTÌ  – Il cadavere di un uomo, Antonio Ranieri, di 79 anni, di Montepaone, incensurato, ucciso, secondo quanto è emerso dai primi accertamenti, con alcuni colpi di arma da fuoco, è stato trovato nella tarda mattinata in località Pietragrande di Stalettì, a pochi chilometri da Catanzaro.
Sul posto si sono recati i carabinieri. Il cadavere, secondo quanto si è appreso, è stato trovato nella vicinanze dell’auto di Ranieri, lungo una strada interna che conduce alla statale 106 jonica.
I militari hanno avviato le indagini per accertare la dinamica ed il movente dell’omicidio. Dai primi accertamenti, comunque, si esclude che Ranieri sia stato ucciso per questioni legati alla criminalità organizzata o comune. L’ipotesi che appare più attendibile, al momento, è quella di un vendetta per questioni private.
Dalle prime ricostruzioni sembra che l’uomo avrebbe avuto una discussione poi degenerata in una lite. I carabinieri hanno già sentito alcuni familiari e diversi conoscenti della vittima, e ora attendono l’autopsia per cercare di avere qualche elemento utile alle indagini.
La prima ipotesi sulla sua morte è stata quella del malore, dato che il corpo è stato trovato lungo il percorso che dal cancello di casa porta fino alla statale. Da qui la tesi iniziale che potesse essersi sentito male. Ma il volto tumefatto della vittima ha fatto propendere subito gli investigatori per la pista dell’omicidio.