Ottobre 25, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cuba: a fine anno riaprono gli hotel della catena Meliá – Viaggi – Live

Catene spagnole Melia e Iberostar Hanno annunciato che sono pronti a riaprire i loro hotel a Cuba da novembre.

Meliá aprirà 18 dei 32 hotel che opera sull’isola e tornerà ad operare il 15 novembre nel contesto di una graduale riapertura prevista nell’isola caraibica per quella data.

(Potresti essere interessato a: Città magiche in Chiapas che devi visitare)

Tra il 1° novembre e il gennaio 2022, Iberostar aprirà le porte di decine di hotel sotto la sua gestione sull’isola che rimangono chiusi a causa della pandemia di Covid-19.

A Varadero contano sul rapido aumento dei turisti da novembre, quando le restrizioni sono state allentate.

Il Melia Habana, il Trip Habana Libre (nella capitale cubana) e altri hotel situati nelle province di Varadero (Matanzas), Cienfuegos, Holguín e Keys apriranno i battenti dopo mesi di chiusura al pubblico a causa delle restrizioni imposte dalla l’epidemia, ha dichiarato la società su Twitter.

Iberostar, una delle aziende estere meglio posizionate nel settore turistico cubano, accoglie dall’inizio dell’anno i visitatori nei suoi hotel a quattro e cinque stelle a L’Avana – Central Park – e in tre resort di lusso con sede a Varadero, il la principale destinazione per il sole e la spiaggia dell’isola.

Annuncia ora la riapertura del Grand Packard Hotel – nella capitale cubana -, due a Varadero, uno a Cayo Encinacho e uno a Cayo Guillermo – situato sulle isole della costa nord occidentale del Paese caraibico – e gli altri sono in Coloniale. Città di Trinidad (centro) e Holguin orientale.

Melia ha spiegato nel suo rapporto di gestione 2020, che dei 35 hotel a Cuba con 14.781 camere in portafoglio alla fine del 2019, aveva 32 proprietà e 13.916 camere alla fine del 2020.

READ  India e Cina si incolpano a vicenda per il crollo dei colloqui sui confini

(Cosa c’è di più: L’Egitto restaura e apre al pubblico la “tomba meridionale” del faraone Djoser)

Secondo i loro calcoli, il reddito ottenuto a Cuba è diminuito dell’84% nel 2020 e il 60% dei suoi hotel è rimasto chiuso per la maggior parte dell’anno a causa dell’epidemia. La maggior parte degli hotel del paese a Cuba sono gestiti da società straniere attraverso contratti di gestione.

Gli spagnoli Meliá, Iberostar e Barceló gestiscono il 70% delle camere dell’isola. Cuba prevede di riaprire gradualmente i suoi confini dal 15 novembre, quando si aspetta che oltre il 90% dei suoi 11,2 milioni di persone abbia ricevuto il programma a tre dosi. Vaccini anticoidi creati da istituzioni scientifiche dell’isola.

Il paese caraibico ha sospeso i voli commerciali e charter nell’aprile 2020 per arginare l’espansione del coronavirus e nell’ottobre dello stesso anno ha riaperto gli aeroporti, ma con voli minimi da Stati Uniti, Messico, Panama, Bahamas, Haiti, Repubblica Dominicana e Colombia .

(Potresti essere interessato a: L’apertura del primo hotel a Bruxelles dedicato alle caricature)

Prima della pandemia, il turismo era la seconda fonte ufficiale di entrate in valuta estera di Cuba – solo dopo la vendita di servizi professionali all’estero – e contribuiva a circa il 10% del PIL. Cuba ha ricevuto 225.417 turisti e viaggiatori stranieri nel periodo gennaio-maggio, circa due milioni in meno rispetto allo stesso periodo del 2020, secondo l’Ufficio nazionale di statistica e informazione.

EFE

Ecco come funzionerà il passaporto di vaccinazione digitale che utilizzerai in Colombia

Quali paesi posso visitare con una carta di cittadinanza colombiana?)