Gennaio 26, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cuba annuncia via omicron la quarantena per i turisti di 8 Paesi africani

Dopo aver registrato il momento peggiore del verificarsi di COVID-19 a luglio, agosto e settembre, Cuba è riuscita a ridurre costantemente il numero di casi da ottobre, senza nemmeno registrare decessi negli ultimi giorni. afp_tickers

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 novembre 2021 – 19:52

(AFP)

Cuba ha annunciato, lunedì, che imporrà una quarantena di una settimana e altre misure sanitarie ai viaggiatori provenienti da otto paesi africani, dopo che il tipo Omicron è stato scoperto per la prima volta in Sudafrica, ha affermato il Ministero della Salute.

A partire dal 4 dicembre, i viaggiatori provenienti da Sud Africa, Lesotho, Botswana, Zimbabwe, Mozambico, Namibia, Malawi ed Eswatini (o Swaziland) devono presentare un programma di vaccinazione completo e risultati negativi della PCR di 72 ore all’arrivo sull’isola prima di allora. .

Il ministero ha dichiarato in una nota informativa sul proprio sito Web: “Verrà loro applicata una quarantena obbligatoria per un periodo di sette giorni in un hotel designato a tale scopo, con il viaggiatore a carico dei costi di alloggio e trasporto”.

Anche i turisti di questi Paesi dovranno sottoporsi a un test PCR all’arrivo a Cuba e un altro il sesto giorno della quarantena e, se negativo, potranno partire il settimo.

Ad eccezione della quarantena e della PCR del sesto giorno, le autorità applicheranno anche il resto di queste misure ai viaggiatori provenienti da Belgio, Israele, Hong Kong, Egitto, Turchia e dal resto dell’Africa subsahariana.

L’isola di 11,2 milioni di persone è stata in grado di controllare l’epidemia con 9.194.017 persone attraverso il piano di vaccinazione completo, che a Cuba consiste in tre dosi, con sistemi immunitari prodotti e sviluppati a livello nazionale.

Dopo aver registrato il peggior momento di infezione da Corona virus a luglio, agosto e settembre, l’isola è riuscita a ridurre costantemente i casi da ottobre, senza nemmeno registrare decessi negli ultimi giorni.

Da quando sono comparsi i primi casi nel marzo 2020, Cuba ha aggiunto 962.350 infezioni e 8.300 decessi per coronavirus.

Solo lo scorso 15 novembre gli studenti hanno terminato il rientro nelle classi e le frontiere sono state riaperte al turismo internazionale, bandito da inizio anno.

E all’inizio di questo mese è stata cancellata la quarantena imposta a tutte le persone che entrano nel Paese, oltre al coprifuoco notturno e alla chiusura di ristoranti e locali pubblici.

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha avvertito che la nuova alternativa pone “rischi estremamente elevati” in tutto il mondo.

READ  Annuncio di un test dinamico in Venezuela in vista delle elezioni ›Mondo› Granma