Dicembre 2, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cuba denuncia l’omissione di questioni importanti al Vertice delle Americhe

L’Avana: Una fonte del Ministero degli Esteri cubano ha confermato che il Nono Vertice delle Americhe, i cui preparativi stanno procedendo oggi negli Stati Uniti, si riunirà senza affrontare o rispondere a questioni molto importanti nella regione.

Secondo il viceministro degli Esteri Carlos Fernandez de Cosio, l’incontro previsto per giugno non affronterà temi come il razzismo, i diritti delle donne e l’emarginazione.

Il rappresentante del governo ha affermato che la discussione sulla disuguaglianza nell’accesso ai servizi sanitari, né sull’impatto delle misure coercitive sugli stati, non sarebbe all’ordine del giorno.

Secondo il vicesegretario di Stato, la posizione ufficiale di Washington è che non ci sono ancora inviti per nessuno per l’incontro in programma a Los Angeles, ma l’intenzione è quella di escludere Cuba dal vertice.

La possibile omissione dell’isola, insieme all’omissione di Venezuela e Nicaragua, ha suscitato indignazione e ha spinto diversi governi della regione ad annunciare la propria assenza dall’incontro se i padroni di casa avessero insistito sulla richiesta.

Spero che il presidente Joe Biden corregga e inviti tutti al Vertice delle Americhe, ha affermato recentemente il presidente del Messico Andres Manuel Lopez Obrador.

Fernández de Cosio ha sottolineato al programma televisivo Mesa Redonda che “se un Paese non ha la capacità di garantire la partecipazione di tutti, non dovrebbe assumersi l’obbligo di tenere un vertice nel suo territorio”.

Come commentato in quello spazio, gli Stati Uniti mantengono una politica di ostilità verso Cuba, volta a cambiare l’ordine sociale ed economico, isolare la nazione caraibica nell’arena internazionale e promuovere una campagna in corso per screditarla.

Lunedì scorso Washington ha annunciato presunte misure di flessibilità con l’Avana, come l’abolizione delle restrizioni ai trasferimenti, la riautorizzazione dei cosiddetti viaggi interpersonali e un programma di ricongiungimento familiare, tutti sospesi dall’amministrazione Donald Trump (2017-2021) . ).

READ  L'Ambasciata degli Stati Uniti all'Avana tornerà a elaborare i visti di immigrazione l'anno prossimo per la prima volta dal 2017

Saranno ripresi anche i voli regolari e charter verso le province cubane e verranno ampliati i servizi consolari presso la sua ambasciata a L’Avana e altri articoli.

Queste misure sono considerate un “passo limitato nella giusta direzione”, in quanto non modificano l’embargo statunitense più che decennale, né la “fraudolenta inclusione nell’elenco degli stati sponsor del terrorismo”. compresso.

Ha aggiunto che non avevano modificato la maggior parte delle disposizioni coercitive di massima pressione in vigore dall’amministrazione Trump, che avevano avuto un impatto significativo sul popolo cubano.