Gennaio 22, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cuba: L’Avana organizza un vertice bolivariano contro il vertice democrazia di Biden | internazionale

Il presidente cubano, Miguel Diaz-Canel, e il presidente venezuelano, Nicolas Maduro, durante il vertice bolivariano tenutosi martedì all’Avana.Paolo (Reuters)

Solo quattro giorni dopo aver completato il programma vertice per la democrazia, che era quasi detenuto dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden, l’Avana questo martedì era il quartier generale di XX Vertice dell’ALBA (Alleanza Bolivariana per i Popoli d’America), definita forum e barriera “antimperialista” a cui hanno partecipato personalmente i presidenti del Venezuela, Nicolás Maduro; Nicaragua, Daniel Ortega; La Bolivia, Luis Arce, e Cuba, Miguel Diaz-Canel, così come altri primi ministri delle isole caraibiche che fanno parte dell’organizzazione creata 17 anni fa dagli scomparsi Fidel Castro e Hugo Chavez. Il vertice mirava ad adattare le strategie del blocco e a rafforzare la sua integrazione economica nel mezzo delle condizioni create dalla crisi del coronavirus e di fronte al nuovo scenario post-pandemia, ma ovviamente uno dei suoi obiettivi principali era quello di criticare l'”intervento carattere” della politica statunitense nella regione e di inviare un messaggio fortuito a Washington che “siamo qui”.”.

Né Maduro, né Ortega, né Arce, né Diaz-Canel Sono stati invitati al Summit per la Democraziache L’Avana ha criticato come “un esercizio demagogico che non giova alla comunità internazionale né alcuna proposta per risolvere i problemi più urgenti del mondo”. Il Ministero degli Affari Esteri cubano, in una dichiarazione prima del vertice, ha accusato gli Stati Uniti di non aver invitato più di 80 paesi a questo incontro, osservando che “il governo degli Stati Uniti sta conducendo una pericolosa campagna volta a provocare il dissenso internazionale, dividendo altre nazioni del pianeta e punire le nazioni che difendono i progetti progressisti o non accettano i modelli imposti dagli Stati Uniti”.

READ  La variante Omicron del coronavirus SARS-CoV-2 è stata segnalata a Singapore

Non appena l’incontro si è aperto, il presidente cubano ha affermato che molti membri dell’ALBA erano “vittime dell’applicazione di misure coercitive unilaterali, intensificate nei momenti peggiori della pandemia, che richiedevano manovre politiche e manipolazione dei media”. Secondo Diaz-Canel, in questi anni Washington “consolidò la sua egemonia nella regione” e Cuba è diventata l’obiettivo principale Dalla sua “politica ossessiva di persecuzione” utilizzando la “pandemia come alleata”.

Per quanto riguarda la decisione degli Stati Uniti di destinare 400 milioni di dollari alla promozione della democrazia nel mondo – uno degli esiti del Summit per la Democrazia – Cuba e i Paesi dell’ALBA l’hanno considerata parte di un tentativo di “sovversione politica degli Stati sovrani, in aperta violazione”. Diritto Internazionale”. Il Segretario Esecutivo dell’ALBA, Sacha Llorente, ha annunciato la creazione di un “Osservatorio Contro l’Interferenza”, in risposta al Summit sulla Democrazia e “Bilanci Milionari per Destabilizzare i Governi Sovrani”. L’obiettivo dell’Osservatorio è quello di “analizzare periodicamente dove stanno andando questi fondi e il ruolo di alcune organizzazioni non governative nelle operazioni destabilizzanti e, inoltre, esaminando come vengono applicate le misure coercitive neoliberiste nei paesi membri”.

Il presidente boliviano Luis Ars è arrivato a Cuba con una donazione di 20 tonnellate di aiuti umanitari all’Avana, e durante l’incontro ha chiesto la creazione di due società regionali all’interno di Alba per la produzione di medicinali e generi alimentari a beneficio degli Stati membri. Ha osservato che l’obiettivo è “raggiungere l’autosufficienza alimentare e biotecnologica” attraverso il “necessario” rilancio economico e produttivo con al centro Banc del Alba. Questi propositi contrastano con la dura realtà vissuta dalle economie degli Stati membri, in particolare il Venezuela, che 17 anni fa era il principale sostenitore di Alba grazie al petrolio a basso prezzo che forniva Hugo Chavez, ma che ora non può fornire.

READ  Tre colombiani, del comune di Ocaña, sono stati uccisi nel decimo massacro del 2022

La dichiarazione finale del vertice dell’ALBA ha respinto quelli che ha descritto come “tentativi imperialisti di confondere i nostri popoli”, e ha condannato la politica di blocco degli Stati Uniti contro L’Avana e l’inclusione dell’isola nella lista di Washington dei paesi che non cooperano nella lotta al terrorismo. Ha anche espresso solidarietà al Venezuela, al Nicaragua e alla Bolivia. ALBA è composta da 10 paesi dell’America Latina e dei Caraibi: Cuba, Venezuela, Bolivia, Nicaragua, Dominica, Saint Vincent e Grenadine, Antigua e Barbuda, Saint Kitts e Nevis, Santa Lucia e Grenada.

Unisciti a EL PAÍS per seguire tutte le notizie e leggere senza limiti.

Partecipare

Iscriviti qui Alla newsletter di EL PAÍS América e ricevi tutte le chiavi informative sulla situazione attuale nella regione