Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cuba nella cooperazione sud-sud: la via dell’integrazione

Da poco più di sei decenni, la politica estera di Cuba È caratterizzato dalla cooperazione internazionale. Con l’inizio del processo rivoluzionario, nel gennaio 1959, si è realizzata la necessità di influenzare la trasformazione dei rapporti non solo tra i paesi arretrati, ma anche tra questi ei paesi sviluppati.

Un’ambizione che cercava soprattutto di confrontarsi con i meccanismi neoliberisti e il patrimonio sociale e culturale coloniale per consolidare i movimenti di liberazione che all’epoca riempivano la geografia continentale.

La rivoluzione scelse un internazionalismo impegnato nella giustizia sociale e lo proseguì sulla base dell’assistenza imparziale e del rigoroso rispetto della sovranità. Il legame tra le Grandi Antille e I partecipanti al Patto di Bandung, prima e con Movimento Non Allineato come membroSuccessivamente, ha rafforzato la capacità lavorativa di quelle nazioni che hanno chiesto il campionato e si sforzano di sviluppare i loro programmi economici e sociali.

In questo modo, negli anni Settanta, la cooperazione tra i paesi del Sud prendeva slancio. La verità che si riflette quando Piano d’azione di Buenos Aires nella cornice Conferenza delle Nazioni Unite sulla cooperazione tecnica tra i paesi in via di sviluppo Tenuto nel 1978 in Argentina. Un documento che continua oggi a indirizzare gli aiuti, nonostante i volatili cambiamenti geopolitici che hanno attraversato la regione.

Il Cooperazione Sud-Sud Tiene conto degli ambiti politico, economico, sociale, culturale, ambientale e tecnico. Due o più paesi possono parteciparvi e comportare scambi a livello regionale, intraregionale o interregionale. In questo tipo di lavoro, i partecipanti si scambiano conoscenze, abilità, esperienze e risorse che possono accelerare il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile. Possono anche fare affidamento su organizzazioni multilaterali che facilitano le iniziative con finanziamenti, formazione, donazioni di tecnologia o altre forme di supporto.

READ  Il Libano condanna le violazioni aeree israeliane alle Nazioni Unite

Nel caso cubano, le strategie congiunte di sviluppo sono state istituzionalizzate in accordi o accordi di cooperazione economica, scientifica e tecnica. Interessa principalmente la sfera sociale con programmi di educazione, salute, cultura e altri servizi di natura politica. Il nostro contributo si basa sull’invio di personale qualificato, gestito bilateralmente attraverso il sistema delle Nazioni Unite o nell’ambito di organizzazioni regionali.

L’enorme impatto ottenuto attraverso la cooperazione medica nelle regioni membri di Alleanza Bolivariana dei Popoli d’America – Trattato sul Commercio dei Popoli. Un esempio è processo miracolosocon oltre tre milioni di interventi chirurgici eseguiti su pazienti provenienti da 24 paesi dell’America Latina, dei Caraibi e dell’Africa.

Evidenzia anche il piano di alfabetizzazione La missione di Robinson, implementato in Angola, Argentina, Bolivia, El Salvador, Guatemala, Guyana, Honduras, Uruguay, Venezuela, Haiti, Giamaica e Santa Lucia. Così come il metodo di insegnamento audiovisivo Io posso”che ha reso più facile per Venezuela, Bolivia e Nicaragua dichiararli liberi dall’analfabetismo, in conformità con i requisiti stabiliti dall’UNESCO.

Allo stesso modo, sulla base della comprensione della misura in cui i cambiamenti climatici influiscono negativamente sui piani di sostenibilità, negli ultimi anni i progetti che hanno ricevuto il sostegno di Il Programma alimentare mondiale e il Programma di sviluppo delle Nazioni Unite. Cuba ha messo a disposizione esperti di paesi come Haiti e la Repubblica Dominicana che hanno contribuito a migliorare i meccanismi di risposta nei rispettivi sistemi di protezione civile.

Allo stesso modo, la Caribbean Risk Management Initiative, istituita nel 2004 dalla Direzione dell’UNDP per la prevenzione e il recupero delle crisi, ha facilitato il trasferimento di conoscenze in Giamaica, Trinidad e Tobago, Repubblica Dominicana, Isole Vergini britanniche e Guyana per adattare e implementare il modello cubano di gestione Centro per la riduzione dei rischi.

READ  World Athletic introduce un'applicazione per computer incentrata sulla Coppa del Mondo

Sono state invece erogate borse di studio per la formazione delle risorse umane e in ambito sportivo i nostri specialisti hanno contribuito ad elevare il livello agonistico di oltre 100 paesi.

È, in sintesi, il riconoscimento della cooperazione Sud-Sud come strumento di integrazione, valido per sostenere nel tempo i programmi di sostenibilità. L’esperienza cubana cerca di eliminare i divari sociali e di fornire spazi di crescita basati sulla partecipazione di entrambi gli attori sociali, per quanto contraddittori possano sembrare.

Il tutto sopportando il peso dell’arretratezza e subendo le conseguenze dell’embargo economico, commerciale e finanziario imposto dagli Stati Uniti. Un esempio di quanto si possa fare con tanta volontà politica e poco capitale.