martedì, Luglio 16, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Cuba parteciperà come paese terzo nella causa intentata dal Sudafrica contro Israele davanti alla Corte Internazionale di Giustizia


afp_tickers

Il governo cubano ha annunciato venerdì che si unirà come “paese terzo” alla causa intentata dal Sudafrica contro Israele davanti alla Corte Internazionale di Giustizia per le sue operazioni a Gaza, ha precisato il Ministero degli Esteri.

“Cuba ha deciso di partecipare come paese terzo al caso portato dal Sudafrica contro Israele davanti alla Corte Internazionale di Giustizia”, ​​ha dichiarato in un messaggio di X il ministro degli Esteri Bruno Rodriguez, la più alta corte delle Nazioni Unite.

Il capo della diplomazia cubana ha precisato che il suo paese “difenderà” davanti alla Corte Internazionale di Giustizia la “violazione della Convenzione sul Genocidio” commessa da Israele a Gaza, ha riferito il funzionario.

In un comunicato, il Ministero delle Relazioni Estere ha precisato che Cuba, come Stato parte della Convenzione per la Prevenzione e la Repressione del Crimine di Genocidio, si avvarrà del suo diritto di presentare “la sua interpretazione delle norme della Convenzione che Israele ha palesemente presentato .” “Le sue azioni nei territori palestinesi illegalmente occupati nella Striscia di Gaza lo violano”.

Uno Stato terzo, che non è parte in causa, può presentare le proprie argomentazioni giuridiche a sostegno dell’interpretazione della Convenzione sul genocidio.

L’anno scorso, il Sudafrica ha avviato questo processo davanti alla Corte internazionale di giustizia, con sede all’Aia, sostenendo che l’attacco israeliano a Gaza ha violato la Convenzione delle Nazioni Unite sul genocidio del 1948, un’accusa che Israele nega fermamente.

In un’altra decisione emessa a gennaio, la corte ha ordinato a Israele di fare tutto ciò che è in suo potere per evitare atti di genocidio durante le sue operazioni militari a Gaza.

Cuba ha sottolineato che la causa intentata dal Sudafrica “ha come obiettivo principale quello di fermare le atrocità contro il popolo palestinese come risultato dell’uso sproporzionato e indiscriminato della forza da parte di Israele”.

Ha osservato che Israele, in completa impunità e con la protezione degli Stati Uniti, “ignora i suoi obblighi come potenza occupante ai sensi della Quarta Convenzione di Ginevra”.

Il Ministero degli Esteri cubano ha aggiunto che “il genocidio, l’apartheid, gli sfollamenti forzati e le punizioni collettive non possono trovare posto nel mondo di oggi”.

Il 24 maggio, la corte ha ordinato a Israele di fermare “immediatamente” il suo attacco militare contro la città di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, dove centinaia di migliaia di civili si sono radunati dall’inizio del conflitto tra Hamas e Israele.

La guerra è scoppiata il 7 ottobre, quando i militanti islamici hanno ucciso 1.194 persone, la maggior parte delle quali civili, e ne hanno rapite 251 nel sud di Israele, secondo un censimento basato su dati ufficiali israeliani.

In risposta, Israele ha lanciato un attacco che ha causato la morte di almeno 37.431 persone a Gaza, secondo il Ministero della Salute del governo di Hamas.

Diversi paesi dell’America Latina, come la Colombia e il Messico, si sono uniti alla causa del Sudafrica davanti alla Corte internazionale di giustizia, o hanno espresso la loro intenzione di farlo, come nel caso del Cile.

lp/dga

READ  La partecipazione dei colombiani al processo di pace con l'ELN è pronta
Ciriaco Capone
Ciriaco Capone
"Creatore. Amante dei social media hipster. Appassionato di web. Appassionato fanatico dell'alcol."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles