Ottobre 20, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cuba presenta a Cervantino le sue nuove generazioni di artisti

Albedio Alonso: “Cuba ospita musicisti, compositori, attori, registi, ballerini e creatori di alto livello per la sua delegazione” in linea con l’altezza e il calore dei rapporti che viviamo tra i nostri due paesi.” Foto di Jose Antonio Lopez

Cuba arriva personalmente al Cervantino International Festival (FIC) 2021, come Paese ospite per il secondo anno consecutivo, con una delegazione ampia e diversificata che esprime la vitalità della cultura di quella nazione. Soprattutto per mostrare al Messico e al mondo, con i fatti, che non c’è alcun tipo di confronto tra le nuove generazioni e gli artisti isolani con il loro governo, come è stato propagato dai loro avversari.

Lo ha spiegato il ministro della Cultura cubano, il poeta Albedio Alonso Grau (Yaguajay, 1963), in visita in Messico per accompagnare una folta delegazione di artisti cubani che mercoledì ha aperto l’incontro di Cervantes. Si tratta della prima partenza internazionale di un contingente cubano di questo tipo in tempi di pandemia.

In un’intervista a Oggi, il funzionario chiarisce che alla FIC si esibiranno musicisti, compositori, attori, registi, danzatori e creatori di teatro di alto rango, “in accordo con l’aumento e il calore delle relazioni che sperimentiamo tra i nostri paesi, in queste circostanze molto particolari che dobbiamo affrontare , quando la sovversione è incoraggiata e finanziata all’interno e all’esterno del paese, nonché l’uso della cultura per gli stessi scopi.

“È stato commovente che il Messico si sia alzato per difenderci ed esprima la sua solidarietà in modo chiaro e risoluto. Lo dico non solo come ministro, ma come parte del popolo cubano.

Il nostro popolo è rimasto scosso quando il presidente Andres Manuel Lopez Obrador ha dichiarato che Cuba meritava il Premio Dignità (Oggi, 9/17/21). È stato straordinariamente influente e voglio ringraziarla a nome del nostro governo, ma anche come cubano e rivoluzionario. I buoni amici si incontrano verdi e maturi, e il Messico è stato ancora una volta il paese della solidarietà che è sempre stato. Questo governo ha riportato il Messico sulla mappa politica del continente, e ha riportato l’eccezionale dignità della politica che ha sempre avuto».

Alonso Grau ha spiegato che con l’intensificarsi del blocco di Cuba e l’intensificarsi delle campagne di disinformazione, “c’è una grande pressione sugli artisti, non solo quelli che sostengono la rivoluzione, sono demonizzati dal fatto che vivono e lavorano con le istituzioni a Cuba.

Questa pressione ricade principalmente sui social media, il cui ruolo è considerato inquietante. Il modo in cui vengono trattati i nostri artisti quando arrivano a Miami fa male, altre volte non pensavamo che sarebbe successo, e la cosa peggiore è che molte persone pensano che questa sia la realtà cubana.

READ  Ultime notizie dall'Afghanistan in diretta | Due aerei spagnoli volano da Kabul a Dubai con 177 sfollati a bordo | internazionale

Il modo in cui la tecnologia è stata utilizzata in modo corrotto per falsificare le cose e costruire una storia che rovina tutto è senza precedenti. Sono stati spesi molti soldi per comprare opinione dentro e fuori Cuba, ad esempio creando pubblicazioni digitali solitamente chiamate “alternative”, che altro non sono che stampa affiliata a quell’altra grande testata che lavora anche sul sistema. Hanno approfittato delle condizioni della pandemia per arrabbiarsi in modo imbarazzante.

“Ciò che resta per noi è difendere la verità. Ecco perché apprezziamo l’opportunità che offre Cervantino di poter esporre cos’è l’arte cubana. La migliore bugia sulle campagne di odio e disinformazione è il lavoro degli artisti cubani, in tutte le sue complessità e diversità, dato che l’arte sponsorizzata dalle istituzioni culturali che Created by revolution è critica, non è un’arte discreta o contemplativa. Non ci interessa questo tipo di prodotti; Se questo è il ruolo delle istituzioni, sarebbe sarebbe meglio se non esistessero.

“Crediamo nella creatività autentica, nel ruolo della ricerca e in un approccio e indagine della realtà attraverso il linguaggio dell’arte, come nessun’altra disciplina del sapere può farlo in modo così ampio. In questo senso, alimentiamo un sistema di educazione artistica nel paese nella musica, nella performance e nelle arti plastiche che è assolutamente non scolastico”.

“I nostri insegnanti sono i migliori sostenitori dell’avanguardia artistica cubana, anche se alcuni di loro, come la stessa Tania Bruguera (attivista dell’opposizione) e altri, si sono venduti anima e corpo alla politica dell’odio contro Cuba e contro la rivoluzione, ma hanno facevano parte dei nostri corridoi, sono diplomati delle nostre scuole d’arte e sono stati parte attiva de La vita culturale del nostro paese, un grande evento, ha acquisito notorietà esponendo un’arte che ha raggiunto il suo apice mentre lavoravano con queste istituzioni sponsorizzate.

Ecco perché mi sembra un errore che si parli di un governo incapace di rispondere alle aspettative della gente o che ci sia uno stato di instabilità sociale. Non c’è uguale. Naturalmente, quando queste bugie si diffondono, le vere cause delle difficoltà che stiamo attraversando vengono omesse; Non si fa menzione del vergognoso embargo o della politica ostile costantemente promossa dall’estrema destra cubano-americana a Miami.

“La prova che tutto è una grande calunnia è nel lavoro degli artisti. Non ci stancheremo mai di giustificarci. Oggi, qui in Messico, alla quarantanovesima sessione del Festival Internazionale Cervantino, ci sono le opere del nostro popolo orchestre, trovatori illustri e gruppi da concerto di altissimo livello, come Los Van Van, che ha suonato in apertura con l’Orchestra Sinfonica del deserto di Coahuila, un vero successo!

Ecco il musicista Jose Maria Veter con parte del suo gruppo, il soprano Barbara Lanes, rappresentazione di arti plastiche, arti circensi, duo rap, più di cento artisti che sostengono che il ruolo della cultura è fondamentale per il progetto della rivoluzione cubana e socialismo nato più di 60 anni fa.

“Ecco perché ribadisco la mia gratitudine al Messico per averci invitato alla FIC, che ci consente non solo di esporre ciò che stiamo facendo, ma di dire la nostra verità al popolo messicano e al mondo dal podio”, ha concluso.

(preso da Oggi)

READ  Evo Morales sostiene la solidarietà con Cuba e Venezuela in Perù - Prensa Latina