Maggio 29, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cuba rinnova il suo impegno per il Trattato di Tlatelolco ‘il mondo’ di Granma

Mentre celebriamo il cinquantacinquesimo anniversario del Trattato di Tlatelolco, siamo onorati di far parte della prima regione densamente popolata al mondo ad essere dichiarata zona libera da armi nucleari, che è la volontà dei nostri paesi ratificata nel dichiarare L’America Latina e i Caraibi come regione di Paz, ha osservato tramite Twitter Bruno Rodriguez Parilla, membro del Politburo del Partito Comunista Cubano e Ministro degli Affari Esteri.

Durante la giornata, il Ministero degli Affari Esteri cubano ha sottolineato che il Trattato di Tlatelolco è un riferimento giuridico e politico sulla questione del disarmo nucleare e, oltre a dichiarare l’America Latina e i Caraibi una zona di pace, costituisce un altro contributo regionale al raggiungimento di una pace duratura .

Il Trattato di Tlatelolco vieta lo sviluppo, l’acquisizione, il test e il dispiegamento di armi nucleari in America Latina e nei Caraibi. Si compone di un preambolo con i suoi obiettivi, un sistema di monitoraggio per verificarne il rispetto e due protocolli aggiuntivi per i paesi fuori territorio, compresi quelli con armi nucleari.

È stato ratificato da tutti i paesi della regione e il suo scopo è vietare il test, l’uso, la produzione, l’acquisizione o il posizionamento di questo tipo di armi in questa parte del pianeta, indica il sito web di Minrex.

Allo stesso modo, gli stati firmatari sono obbligati all’uso pacifico esclusivo dei materiali e degli impianti nucleari sotto la loro giurisdizione, con i quali l’America Latina ha creato la prima zona libera da armi nucleari al mondo. Quindi aggiungere quelli del Pacifico meridionale nel 1985, del Sud-est asiatico nel 1995, dell’Africa nel 1996, dell’Asia centrale nel 2006 e della Mongolia, che nel 2000 ha ottenuto il riconoscimento internazionale come stato libero da armi nucleari attraverso una risoluzione dell’Assemblea generale alle Nazioni Unite .

READ  Lula promette di invertire le decisioni di Bolsonaro sulle popolazioni indigene