sabato, Giugno 22, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Cubadipati

Il presidente iraniano Ebrahim Raisi. Foto: EPA.

Uno dei tre elicotteri del convoglio che trasportava il presidente iraniano Ebrahim Raisi ha effettuato un atterraggio difficile domenica in mezzo a una fitta nebbia nella provincia dell’Azerbaigian orientale. Il ministro dell’Interno Ahmed Wahidi ha detto che le squadre di soccorso erano partite sul posto.

Lo ha riferito l’agenzia di stampa ufficiale iraniana IRNA L’elicottero che ha partecipato all’incidente trasportava Raisi, il ministro degli Esteri Hossein Amir Abdullahian e funzionari locali.

Secondo quanto riportato dalla stampa, i telefoni delle persone a bordo dell’elicottero presidenziale non erano disponibili, compreso lo stesso Raisi.

Il ministro dell’Interno ha però precisato che “c’è stata comunicazione” con le persone che erano sull’elicottero, “ma poiché la zona è complessa e la comunicazione è difficile, stiamo aspettando l’arrivo delle squadre di soccorso sul luogo dell’incidente”. .” incidente e inviaci ulteriori informazioni.

“La zona è un po’ ripida e difficile da comunicare. Stiamo aspettando che le squadre di soccorso arrivino sul posto e ci forniscano maggiori informazioni”, ha aggiunto.

La posizione esatta dell’elicottero precipitato è stata determinata nelle vicinanze del villaggio di Uzi nelle foreste di Arasbaran nella provincia dell’Azerbaigian orientale.

Le informazioni indicano che le condizioni di Raisi e delle altre persone che viaggiavano a bordo dell’elicottero non sono ancora state determinate.

Si è tuttavia appreso che le autorità iraniane sono rimaste in contatto in più occasioni con due passeggeri dell’elicottero su cui viaggiava Raisi, e che risultano tuttora dispersi dopo che quest’ultimo ha effettuato un atterraggio di emergenza in condizioni meteorologiche e di visibilità difficili, in una zona montuosa del il nord-ovest del paese. Dal paese.

Mohsen Al-Mansouri, vicepresidente per gli affari esecutivi, ha dichiarato alla televisione di stato: “Un membro dell’equipaggio dell’elicottero e un membro dell’equipaggio di volo sono stati contattati”, senza specificare quando sono state effettuate queste comunicazioni o fornire ulteriori dettagli.

Una delle prime immagini delle ricerche, nella nebbia, dopo che l’elicottero con a bordo il presidente iraniano ha effettuato un atterraggio di emergenza, domenica 19 maggio 2024, nel nord-ovest del Paese. Immagine: schermata.

La televisione di Stato ha trasmesso le immagini di alcuni membri della Mezzaluna Rossa iraniana che camminano nella fitta nebbia. Ha anche trasmesso immagini di fedeli che pregano per la salute del presidente in diverse moschee.

L’aereo precipitato faceva parte di un convoglio di tre elicotteri su cui viaggiava la delegazione presidenziale. Due di loro sono atterrati sani e salvi a TabrizNel nord-ovest dell’Iran, ma non l’elicottero su cui era a bordo Raisi.

Il ministro dell’Interno ha detto alla televisione iraniana che le cattive condizioni meteorologiche e la fitta nebbia stanno ritardando gli sforzi delle squadre di soccorso.

READ  Villaggio Olimpico pronto ad accogliere gli ucraini

L’IRNA ha riferito:Sul posto sono state inviate circa 40 squadre di soccorso completamente equipaggiate, soprattutto con droni e cani da soccorso.. Il vicepresidente iraniano Mohammad Mokhbar ha lasciato Teheran nel pomeriggio diretto a Tabriz con alcuni ministri, ha riferito il portavoce del governo.

Dalla zona dell’incidente, il ministro della Sanità Bahram Ain Allahi ha annunciato alla televisione nazionale che i soccorritori e le équipe mediche erano pronte a fornire assistenza immediata.

Ha spiegato che, a causa delle difficili condizioni meteorologiche, l’unico modo per raggiungere il luogo dell’incidente è via terra, e il monitoraggio del sito tramite droni è inefficace a causa della fitta nebbia.

La TV ha affermato in quel rapporto che fino ad ora Non sono stati segnalati rumori forti o incendi nell’area di atterraggio degli elicotteri.

Ibrahim Raisi (a sinistra), con il presidente azerbaigiano Ilham Aliyev, alla cerimonia di apertura di una diga congiunta. Poco dopo l’incidente, l’elicottero del presidente iraniano si è schiantato. Foto: Getty Images.

Secondo i media locali, Raisi (63 anni) e presidente dal 2021, era diretto verso Tabriz di ritorno dal confine con l’Azerbaigian, dove aveva aperto la diga congiunta Qiz Qalasi, sul fiume Aras, insieme al suo omologo azerbaigiano, Ilham Aliyev.

Secondo queste fonti, La visibilità nell’area montuosa e boscosa dove è avvenuto l’incidente, a circa 50 chilometri a nord di Tabriz, nell’Iran nordoccidentale, era di soli cinque metri circa.

I paesi arabi e altri esprimono la loro preoccupazione e forniscono sostegno all’Iran

Diversi paesi arabi hanno annunciato domenica la loro disponibilità a fornire l’assistenza necessaria all’Iran per cercare l’elicottero su cui viaggiava il presidente Ebrahim Raisi.Disperso dopo un atterraggio d’emergenza in una zona montuosa nel nord-ovest del Paese.

ministro degli Affari Esteri Arabia Saudita Ha rilasciato una dichiarazione in cui esprime la sua preoccupazione per l’evento ed esprime la sua “disponibilità a fornire tutta l’assistenza necessaria alle autorità iraniane” con l’obiettivo di localizzare il presidente iraniano e la sua delegazione al seguito.

Il portavoce del ministero degli Esteri del Qatar si è espresso in termini simili., Majid Al-Ansari, sull’“incidente dell’atterraggio duro” del presidente iraniano e dei suoi compagni, e ha sottolineato “ La disponibilità del Qatar a fornire ogni tipo di supporto Alla ricerca dell’elicottero precipitato nella provincia dell’Azerbaigian orientale, nel nord-ovest del Paese.

Kuwait Lei ha espresso la sua “preoccupazione” per l’accaduto in un comunicato pubblicato dall’agenzia ufficiale di stampa del Kuwait, KUNA, in cui ha espresso il suo sostegno “alla Repubblica islamica dell’Iran in questa delicata circostanza”.

READ  Cuba rafforza il dialogo politico con i paesi dell'UE - Escambrai

Russia Ha annunciato l’invio di 47 soccorritori in Iran per aiutare a cercare l’elicottero e il prestito a Teheran di un elicottero BO-105 e di veicoli fuoristrada.

Turchia Ha inviato 32 soccorritori e sei veicoli in Iran per partecipare alle operazioni di salvataggio.

L’Azerbaigian ha reclutato due elicotteri e 40 soccorritori professionisti dotati dei mezzi tecnici necessari per partecipare alle operazioni di ricerca e salvataggio, secondo un ordine presidenziale riportato dall’agenzia di stampa locale APA.

Altri paesi piacciono Egitto, Giordania, Emirati Arabi Uniti, Oman o BahreinOltre a organizzazioni come Il Consiglio di Cooperazione del Golfo e l’Organizzazione per la Cooperazione IslamicaHanno espresso la loro solidarietà alle autorità iraniane per le “circostanze delicate” che sta attraversando il Paese.

Siria Ha espresso la sua “fiducia nella capacità e nella saggezza dell’Iran” di “superare questa difficile circostanza” e ha anche offerto “tutta l’assistenza possibile”, secondo una dichiarazione rilasciata dal Ministero degli Affari Esteri siriano.

Ministero degli Affari Esteri in Libano Ha espresso “la sua solidarietà al governo e al popolo iraniano per questa terribile esperienza”, augurando “un arrivo sano e salvo al presidente iraniano e ai suoi compagni”.

primo ministro IraqQuesto pomeriggio, Muhammad Shiaa Al-Sudani ha ordinato a diversi dipartimenti e alla Mezzaluna Rossa irachena di prestare le proprie capacità all’Iran per aiutarlo nella ricerca dell’aereo.

Governi di altre regioni, come i governi di Cuba e Boliviasi sono uniti alle espressioni di sostegno e L’Unione Europea ha riferito di aver attivato il servizio di mappatura di risposta rapida CopernicusEMS Per facilitare il processo di ricerca, reso difficile a causa delle condizioni meteorologiche sfavorevoli sul terreno, secondo le autorità iraniane.

Il leader supremo iraniano Ali Khamenei ha invitato domenica alla calma dopo ore di ricerche infruttuose dopo che l’elicottero che trasportava il presidente iraniano ha effettuato un atterraggio di emergenza in una zona montuosa nel nord-ovest del Paese. Secondo i media iraniani non si sa ancora dove si trovi.

Le autorità iraniane hanno avviato intensi sforzi per trovare il dispositivo.

L’Iran apprezza la solidarietà e l’assistenza fornita da governi e organizzazioni

Domenica, il Ministero degli Affari Esteri iraniano ha ringraziato i paesi e le organizzazioni internazionali che hanno offerto o fornito assistenza nella ricerca dell’elicottero con a bordo il presidente iraniano Ebrahim Raisi, che si è schiantato in una zona montuosa del paese.

READ  Covid-19: le ultime notizie sul coronavirus, in diretta | Il Regno Unito ripristina l'uso obbligatorio degli indumenti intimi dopo due casi di nuova variante di omicron | Comunità

“Purtroppo questo pomeriggio l’elicottero che trasportava il Presidente e il Segretario di Stato si è schiantato. Il portavoce del ministero, Nasser Kanaani, ha dichiarato in una dichiarazione pubblicata sul canale Telegram: “Nonostante le condizioni meteorologiche inadeguate, i soccorsi continuano fino a raggiungere il luogo dell’incidente”.

Ha aggiunto: “La Repubblica islamica dell’Iran ringrazia molti governi e organizzazioni internazionali per la loro solidarietà e assistenza in questa operazione di ricerca e salvataggio”.

Immagini del drone sul luogo del presunto incidente

L’agenzia di stampa iraniana IRNA ha pubblicato la registrazione di un drone turco che pattugliava la zona in cui si sarebbe schiantato l’elicottero che trasportava il presidente iraniano Ebrahim Raisi, vicino al confine con l’Azerbaigian.

Il drone fa parte della squadra di ricerca e soccorso, che ha avuto difficoltà nel suo lavoro a causa della difficoltà di raggiungere la zona dell’incidente e delle cattive condizioni meteorologiche.

L’Agenzia Turca dell’Anatolia sta attualmente trasmettendo in diretta le operazioni dei suddetti velivoli, che continuano a volare attivamente nei cieli della regione.

Poco prima il portale Flightradar 24 aveva registrato l’ingresso del drone nello spazio aereo iraniano dalla Turchia, nell’ambito della cooperazione fornita dal Paese vicino. A questi sforzi si uniranno nelle prossime ore anche l’Azerbaigian e la Russia, pronte a inviare soccorritori ed elicotteri.

La Russia invia un gruppo di soccorritori per aiutare a cercare l’elicottero del presidente iraniano

La Russia invierà un gruppo di 47 soccorritori in Iran per aiutare a cercare l’elicottero che si è schiantato domenica mentre il presidente iraniano Ebrahim Raisi era a bordo, ha detto il Ministero russo per le situazioni di emergenza.

Inoltre, la parte russa presterà a Teheran un elicottero BO-105 e veicoli fuoristrada. Secondo una dichiarazione del Ministero, la spedizione è stata effettuata su richiesta dell’Iran e per ordine del presidente russo Vladimir Putin.

Da parte sua, il portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov ha affermato che Putin “sta seguendo da vicino tutte le informazioni” sull’incidente. Ha sottolineato che la Russia sta inviando “elicotteri e soccorritori pronti a svolgere le missioni più difficili ad alta quota”.

“Non appena le condizioni meteorologiche, in particolare la nebbia, consentiranno la ripresa delle operazioni di ricerca e salvataggio, i nostri specialisti si uniranno agli sforzi in corso”, ha affermato Peskov.

(Con informazioni dalle agenzie e novità in sviluppo)

Ciriaco Capone
Ciriaco Capone
"Creatore. Amante dei social media hipster. Appassionato di web. Appassionato fanatico dell'alcol."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles