Al cimitero solo “per apputnamento”

cimitero-borgia_400

Tragicomica è poi la situazione di chi rischia di rimanere chiuso nel cimitero a causa del non funzionamento della sirena messa a disposizione del custode per avvisare gli utenti che è giunta l’ora della chiusura. Certo non è fra le esperienze più piacevoli rimanere chiusi dentro al camposanto! Per non parlare della corrente singhiozzanté che, spesso, provoca enormi disagi e indignazione quando viene svolta la tumulazione del defunto nelle buie sere d’inverno.
Se il custode del cimitero ha diritto al suo giorno di riposo per contratto, non dovrebbe esserci difficoltà per qualche altro dipendente comunale a sostituire il collega, dovendo semplicemente aprire e chiudere il cancello, trovando il modo di garantire l’apertura anche il lunedì quando molti visitatori – provenienti anche dai centri limitrofi – devono tornarsene indietro senza aver potuto deporre un lume o un fiore o, ancora, recitare una preghiera sulla tomba del caro estinto. Al sindaco non rimane che prendere provvedimenti, andando incontro alle esigenze della popolazione che vuole che si rispetti il culto dei morti. (Gazzetta del Sud – Pi.Da)