Gennaio 17, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Da confidente di Jack Dorsey a CEO di Twitter a soli 37 anni

Il misterioso fondatore di Twitter Jack Dorsey (45) ha annunciato questo lunedì – sorpresa per tutti – che Dimissioni dalla carica di amministratore delegato della società che lui stesso ha lanciato sedici anni fa. E lo farà per Parag Agrawal, 37 anni, ex chief technology officer del social network. Chi è il nuovo CEO di Twitter? Cosa cambierà d’ora in poi? Perché le dimissioni di Dorsey arrivano ora? Ci sono molte domande che sorgono dopo la partenza di Jack, che in carta Che rilasciato non ha spiegato le ragioni del suo licenziamento.

“Ho deciso di lasciare Twitter perché credo che l’azienda sia disposta a lasciarsi alle spalle i suoi fondatori. La mia fiducia in Parag come CEO di Twitter è profonda. Il suo lavoro negli ultimi 10 anni è stato trasformativo. Sono così grato per la sua abilità, “Dice Dorsey nella dichiarazione. Con queste parole, Dorsey si unisce alla lista degli imprenditori della Silicon Valley che stanno rinunciando alle proprie iniziative tecnologiche per far posto a nuovi volti e talenti per le aziende che hanno di più. È il caso di Parag Agrawal, un Ingegnere indiano-americano specializzato in intelligenza artificiale e machine learning.

Parag Agrawal, ex chief technology officer di Twitter e confidente di Dorsey

Parag Agrawa ha solo 37 anni e si è unito a Twitter dieci anni fa

come descritto Biografia personale Su Twitter, Parag Agrawal (37) è entrato a far parte dell’azienda nel 2011 ed è stato Chief Technology Officer (CTO) dall’ottobre 2017 al 2021. Prima di entrare in Twitter, Parag aveva già lavorato come ricercatore presso Microsoft, Yahoo e AT&T. In qualità di CTO, era responsabile della strategia tecnica dell’azienda in materia di machine learning e intelligenza artificiale. Ha conseguito un PhD in Computer Science presso la Stanford University e un Bachelor of Science in Computer Science and Engineering presso l’Indian Institute of Technology di Bombay.

READ  Il peso chiude in perdita sul dollaro dopo il ritorno dell'avversione al rischio

Come New York Times, Parag era dietro i momenti chiave dell’azienda. Quando Twitter ha sviluppato capacità di apprendimento automatico e intelligenza artificiale nel 2014, Dorsey si è rivolto al giovane ingegnere. Lo ha fatto anche quando ha revisionato l’infrastruttura dell’azienda e nel 2019, quando ha iniziato il processo di decentralizzazione, consentendo agli utenti di prendere le proprie decisioni e applicare i propri algoritmi. “Dietro ogni importante decisione che ha contribuito a cambiare la direzione dell’azienda”, ha affermato Dorsey nella lettera, ha identificato Barrage come un uomo curioso, esploratore, razionale, creativo, esigente, indipendente e umile.


Leggi anche

Judith Castaño

A soli 17 anni, Nick D'Aloisio aveva già ciò a cui qualsiasi imprenditore potrebbe aspirare nei suoi sogni più sfrenati: potere di influenza, super intelligenza e molti milioni in banca.  Questo giovane prodigio britannico adottato è diventato uno dei più giovani milionari del mondo dopo aver venduto la sua app mobile Summly a Yahoo!  per 30 milioni di dollari.

Si potrebbe dire che Barrage è stato a lungo il migliore amico di Dorsey sotto ogni aspetto. Quindi, ha raggiunto la posizione più desiderabile per qualsiasi ingegnere al mondo. Alcuni lo descrivono come il “successore spirituale” di Dorsey. Sono entrambi calmi, educati, altamente tecnici e appassionati di Internet in cui gli utenti possono riprendere potere e controllo.

Miembro de Twitter Architecture Group

Orizzontale

“Ho deciso di lasciare Twitter perché credo che l’azienda sia pronta a fare a meno dei suoi fondatori”, ha detto Dorsey.

Michael Reynolds/Effie

Uno dei primi compiti di Parag all’interno di Twitter è stato applicare l’apprendimento automatico agli annunci per sviluppare modi per indirizzare gli annunci a utenti specifici. La mossa ha aumentato le entrate di Twitter e le ha dato un nome all’interno dell’azienda. Secondo Krishna Jade parlando a New York TimesPresto Barrage è diventato un membro del Twitter Architecture Group, un team dei migliori architetti dell’azienda.


Leggi anche

redazione

Orizzontale

Agrawal è stato anche coinvolto nella rifocalizzazione della Timeline di Twitter. Nel 2017 l’azienda lo ha promosso a chief technical officer, pur mantenendo sempre un profilo basso. L’attuale CEO di Twitter è anche a capo del progetto “BlueSky”, un’iniziativa di ricerca indipendente per creare social network decentralizzati che consentano agli utenti di prendere le proprie decisioni di moderazione e applicare i propri algoritmi per promuovere i contenuti. In particolare, abilitare l’utente e combattere notizie false E la disinformazione sono due pilastri principali di Agrawal, ma sono anche due punti deboli del social network.

Disinformazione e “fake news”

Orizzontale

Uno dei problemi per cui Jack Dorsey è stato più criticato è la sua incapacità di affrontare la disinformazione e l’incitamento all’odio.

Agenzia di stampa Francia

in un intervistare NS Revisione della tecnologia del MIT, Agrawal ha commentato che Twitter sta cercando di evitare il danno che la disinformazione potrebbe produrre. Agrawal ha parlato della manipolazione della piattaforma dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump durante le elezioni presidenziali o delle false storie e notizie che sono circolate sul virus Corona.

A proposito di disinformazione e notizie false“Il ruolo di Twitter non dovrebbe essere legato al Primo Emendamento, ma piuttosto servire una sana conversazione pubblica”, ha spiegato Agrawal. “L’anno scorso abbiamo apportato una modifica per vietare tutti gli annunci politici su Twitter. Volevamo che il nostro focus non fosse sulla pubblicità, ma sulla conversazione pubblica che si verifica naturalmente in modo da poterla proteggere e migliorare”, ha detto Agrawal nell’intervista.


Leggi anche

Editoriale di Barcellona

Orizzontale

Tra le questioni specificamente criticate da Jack Dorsey c’è la sua incapacità di affrontare la disinformazione e i discorsi di odio sorti in momenti cruciali come le elezioni presidenziali statunitensi, secondo i suoi critici, che Dorsey non ha nemmeno saputo combattere né prevenire in tempo.

Perché Jack Dorsey si sta trattenendo?

LV_ Jack Dorsey si dimette da CEO di Twitter

Jack Dorsey si dimette da CEO di Twitter

Non è la prima volta che Jack Dorsey si dimette. Nel 2011, l’imprenditore ha lasciato la posizione di CEO di Twitter per tornare nuovamente nel 2015 dopo cinque anni con Dick Costolo alla guida dell’azienda. Ora, Dorsey si è dimesso dalla posizione acclamata dalla critica per la sua doppia posizione di CEO del social network e contemporaneamente in Square. Sebbene Twitter abbia aumentato il volume delle vendite quest’anno del 50%, le azioni di Square sono aumentate del 1.500% dal suo inizio. La crescita di Twitter è lenta e non piace agli investitori.

Il primo collaboratore di Twitter ad essere allarmato è stato Paul Singer, fondatore di Elliott Management, che ha messo pubblicamente in dubbio la capacità di Dorsey di gestire queste due società contemporaneamente la scorsa primavera. Gli investitori volevano un CEO a tempo pieno per aumentare gli utenti e le entrate dal social network. “Sono così triste… ma così felice”, ha detto Dorsey nel suo discorso di addio. “Non molte aziende raggiungono questo livello. Non molti fondatori scelgono la loro azienda sulla loro vanità”.

Non sono molte le aziende che raggiungono questo livello. E non sono molti i fondatori che scelgono la loro azienda piuttosto che la loro vanità”.


(File) In questa foto di file scattata il 4 giugno 2021, Jack Dorsey, CEO di Twitter e co-fondatore e CEO di Square, partecipa alla Convention Bitcoin 2021 al Mana Convention Center di Miami, in Florida.  Il fondatore di Twitter Jack Dorsey dovrebbe dimettersi dalla carica di CEO del social network, secondo quanto riportato dalla CNBC il 29 novembre 2021 (foto di Marco Bello/AFP)

Jack DorseyCo-fondatore di Twitter

I contributori hanno vinto e Dorsey alla fine ha rinunciato e ha lasciato Twitter, nonostante i post il bordoAgrawal ha anche i suoi critici all’interno dell’azienda. Alcuni investitori dicono che è troppo vicino a Dorsey, e se alcuni dipendenti e azionisti di Twitter pensano che Dorsey sia diventato un peso per l’azienda, la nomina di Agrawal potrebbe non sembrare perfetta per loro.