Settembre 28, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Da Saigon a Kabul: le differenze per sconfiggere “The World” Granma

Il riconoscimento delle sconfitte non fu mai concesso agli Stati Uniti. Non lo hanno fatto quando nel 1975 i vietnamiti hanno vinto una guerra genocida imposta loro da Washington, né lo fanno ora, quando hanno dovuto fuggire dall’Afghanistan, dopo che i talebani sono entrati a Kabul.

Ma invece di incolpare Joe Biden per aver ordinato la partenza delle sue forze afgane, l’analisi dovrebbe partire dal fatto di quanto accaduto 20 anni fa, quando un altro presidente, George W. Bush, ordinò l’invasione e l’occupazione di quella nazione.

Le ragioni dell’attuale clamoroso ritiro vanno ricercate nella concezione imperialista o nella filosofia dei governi americani, di attuare guerre dove vogliono e senza alcuna giustificazione.

Altri colpevoli – ora pure sconfitti – furono i governi di cui era composta la Nato, che seguirono il movente bellico del Pentagono, inviando uomini e mezzi bellici, più che combattere, a partecipare al massacro di migliaia di civili. Vi furono mandati anziani, intere famiglie e migliaia di soldati.

Per la cronaca, Donald Trump non è stato l’ispirazione per questo commento. L’ex presidente degli Stati Uniti ha appena criticato il suo successore, Joe Biden, e ha persino chiesto le sue dimissioni per la sconfitta in Afghanistan.

Forse la performance di Trump è stata peggiore e ci sono state più vittime.

Inoltre, durante l’invasione e l’occupazione dell’Afghanistan impoverito, l’iniziatore della guerra George W. Bush (2001-2009), Barack Obama (2009-2017), Donald Trump (2017-2021), è passato dalla Casa Bianca .. e ora Joe Biden.

Sebbene il confronto tra ciò che sta accadendo ora a Kabul e ciò che accadde nell’aprile 1975 a Saigon sia stato ripetuto in molti media e luoghi, le condizioni non sono le stesse.

READ  La Bolivia ribadisce che non accetterà un patto di silenzio sul golpe

Soprattutto, mette in evidenza il coraggio e l’integrità dei combattenti vietnamiti che, a caro prezzo per oltre tre milioni di cittadini massacrati o mutilati dall’agente Orange, espulsero gli aggressori e vinsero la guerra.

Quello che è successo ora a Kabul sembra più un accordo prima dell’occupazione della capitale afghana, per entrare nei talebani senza alcuna resistenza o scontro con un esercito addestrato dagli Stati Uniti.

Nessuno ha opposto resistenza e le forze armate statunitensi e la NATO stavano già pianificando di lasciare il paese. E si accontentarono di tagliare la frettolosa preparazione dei loro bagagli, e di tentare di abbandonare quella battaglia, che era sempre persa, anche se sospesa agli elicotteri di soccorso.

Spero che questa educazione, anche se diversa da quella del Vietnam, sia al servizio delle amministrazioni americane per placare le loro voglie di guerra, e la gente di quel paese, per prendere coscienza e non permettere che i propri figli scivolino in guerre di aggressione , da cui molti ritornano. nelle bare.

Ricordiamo che in Vietnam sono stati uccisi 58.159 soldati americani e altri 1.700 sono scomparsi.

Il popolo americano deve essere convinto che questi atti di genocidio non hanno nulla a che fare con la “sicurezza nazionale degli Stati Uniti”, come pretendono di giustificarli coloro che li ordinano.