Febbraio 1, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dai un’occhiata alle incredibili immagini lasciate dal James Webb Telescope nel suo primo anno

nel dicembre dello scorso anno Telescopio James Webb La NASA ha aperto All’insegna del più potente telescopio finora creato dalla razza umana. Prometteva foto incredibili, mai viste prima, e non ci ha deluso.

Ci sono voluti sette mesi per inviare le prime immagini sulla Terra, ma da allora Non manca mai di impressionare l’occhio umano con le galassie più lontane mai scoperte. La tecnologia avanzata di acquisizione delle immagini, la precisione e la sensibilità hanno creato immagini degne di essere condivise.

Ecco alcune delle immagini più impressionanti dell’anno catturate dal James Webb Telescope:

Immagine: NASA, ESA, CSA, STScI.

Questa è stata la prima immagine prodotta dal telescopio, arrivato il 12 luglio. Ciò che rende speciale SMACS 0723 è che è l’immagine a infrarossi dell’universo più chiara e completa mai catturata da un telescopio.

Questa immagine copre un lembo di cielo delle dimensioni di un granello di sabbia a distanza di un braccio. È solo una piccola parte del vasto universo, ha spiegato l’amministratore della NASA Bill Nelson in una dichiarazione. Pubblicazione.

Immagine: NASA, ESA, CSA e STScI.

Questa vista simile a una scogliera è in realtà parte della Nebulosa della Carena, a 7.600 anni luce dalla Terra nella costellazione della Carena, dove si stanno formando le stelle. Conosciuto anche come NGC 3324 fa parte della nostra galassia Via Lattea e questo punto di vista è chiamato pendii cosmici.

Immagine: NASA, ESA, CSA, STScI, Webb ERO Production Team

Questa immagine è coerente con una storia della creazione cosmica in cui migliaia di giovani stelle sono state catturate in un vivaio chiamato 30 Dorados. Conosciuto anche come La Nebulosa Tarantola Dall’aspetto dei suoi filamenti polverosi nelle precedenti immagini telescopiche, questa nebulosa è stata una delle preferite dagli astronomi che studiano la formazione stellare.

READ  Se hai il telefono POCO più venduto, ora puoi installare l'ultima versione di MIUI 13 Global
Immagine: NASA, ESA, CSA, STScI.

Questa immagine è stata scattata nella costellazione di Pegaso e corrisponde a un gruppo di cinque galassie, quattro delle quali sono state rilevate per la prima volta.

Le immagini rivelano che due delle galassie si stanno attualmente fondendo e forniscono informazioni su come le interazioni tra galassie possono portare alla formazione stellare.

Immagine: NASA, ESA, CSA e STScI. Elaborazione delle immagini: J. DePasquale, A. Pagan e A. Koekemoer (STScI)

Questa immagine rivela la nascita di una stella. Al centro di questo tipo di clessidra c’è una protostella, un corpo celeste nascosto all’interno di una nebulosa oscura e intensamente assorbente che alla fine diventerà una stella.

Immagine: NASA, ESA, CSA e il team Jupiter dell’IRS; Immagine elaborata da Judy Schmidt.

Il James Webb Telescope ci ha fornito nuove registrazioni di Giove Utilizzando tre filtri infrarossi specializzati. Ciò consente alle persone di vedere l’aurora e gli splendidi spettacoli di luce che vengono visualizzati nell’immagine proprio come accadono nella vita reale su Giove.

Immagine: NASA, ESA, CSA, STScI; Joseph DiPasquale (STScI), Anton M Coquemore (STScI), Alyssa Pagan (STScI).

Una delle immagini più impressionanti catturate è quella dei cosiddetti Pilastri della Creazione, nubi di gas e polvere che rappresentano un caleidoscopio di colori nella luce infrarossa del telescopio. I pilastri fanno parte della Nebulosa Aquila, molto più grande, situata a circa 6.500 anni luce dalla Terra.

Immagine: NASA, ESA e Hubble Heritage Foundation (STScI/AURA)-ESA/Hubble Collaboration; Ringraziamenti: R. Chandar (Università di Toledo) e J. Miller (Università del Michigan).

Il suo nome è M74 o Galassia fantasma L’immagine è stata ottenuta in collaborazione con i dati del telescopio spaziale Hubble. Si trova a circa 32 milioni di anni luce dalla Terra nella costellazione dei Pesci ed è “quasi di fronte” alla Terra.

La galassia fantasma appartiene alla classe nota come “spirali di grandi dimensioni”, il che significa che i suoi bracci a spirale sono prominenti e ben definiti, a differenza delle strutture frastagliate e frastagliate viste in alcune altre galassie a spirale.

Immagine: NASA, ESA, CSA, STScI.

Questa volta, il telescopio James Webb ha catturato più chiaramente le nubi di metano ghiacciato che circondano Nettuno, i suoi anelli polverosi e fino a sette delle 14 lune di forma conica del pianeta.

READ  Studio Display di Apple funzionerà con Windows, ma con limitazioni
Wolf-Rayet 140. Immagine: NASA, ESA, CSA, STScI, JPL-Caltech.

Questa immagine mostra il modello creato dai detriti di polvere periodicamente espulsi da una stella che ruota nel sistema binario. La sua forma è come un’impronta digitale.