Febbraio 8, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dall’Argentina all’Universo: una startup nazionale cerca di creare la prima rete di trasmissione satellitare nello spazio

La startup argentina sta cercando di entrare nel mercato internazionale dei rimorchiatori satellitari a bassa orbita

Come inserire un file Il satellite dentro Vuoto e mettilo dentro La posizione tropicale ideale Senza l’uso di motori o carburante, cosa rende la macchina più pesante e più costosa da usare? Epopea spaziale Una startup nata in Argentina ha la soluzione. E oggi ha iniziato a fare la storia con il primo lancio di prova del suo nuovo prodotto di punta: l’A.I locomotiva satellitare.

Così, a bordo del razzo Falcon 9 di SpaceX, un rimorchiatore satellite costruito localmente, sta cercando un record storico dopo essere stato varato questa mattina da Cape Canaveral, Florida, USA. L’obiettivo finale, hanno avvertito, è “costruire una costellazione di locomotive e creare la prima rete di trasporto nello spazio”.

Abbiamo lanciato un veicolo spaziale chiamato Locomotive della linea Illusion Il suo obiettivo è portare i satelliti da un lato all’altro dello spazio, creando servizi navetta dell’ultimo miglio, come vengono chiamati, in modo che i satelliti che non trasportano motori o carburante possano essere messi in orbita proprio nello spazio e funzionare in modo più efficiente. Con il lancio di oggi, cerchiamo di dimostrare che la nostra tecnologia funziona e la maturità che abbiamo raggiunto come squadra”, ha spiegato L Infobae Ignacio Belleris MunterCEO e fondatore di Aeroespace, che ha visto il decollo dalla Florida.

Parte del team Epic Aerospace a Buenos Aires
Parte del team Epic Aerospace a Buenos Aires

“Questa barca è una struttura su cui possono essere installati satelliti di diverse dimensioni. Il razzo lanciato oggi da SpaceX è lungo 1,2 metri, largo 88 cm e alto 60 cm. Pesa 145 chilogrammi. Date le dimensioni di questo veicolo spaziale, il lancio è stato non semplice, è pazzesco varare per la prima volta una nave così grande, aggiungendo che è un progetto ambizioso perché queste navi devono essere grandi per trasportare satelliti fino a 200 chili.

READ  Armaiolo prima e dopo valanga: immagini satellitari - scienza - vita

Il compito di mettere in sicurezza i satelliti da rimorchiare fino a quando non vengono messi in orbita finale è molto allettante per la miriade di piccoli dispositivi che viaggiano nello spazio come carichi utili secondari. La navicella Epic Aerospace utilizza un motore a propellente chimico a basso costo, che dopo l’aggancio al satellite viene utilizzato per riportarlo nell’orbita ottimale per la missione per la quale è stato progettato.

“Separando la propulsione dai satelliti, consentiremo a chiunque di lanciare qualsiasi carico utile ovunque nello spazio. Dai voli intorno alla Low Earth Orbit (LEO o Orbita terrestre bassa), svilupperemo il riuso nello spazio e poi lavoreremo per il satellite GEO”, fanno notare dall’azienda.

Ignacio Bileris Munter, CEO e fondatore di Aeroespace, posa con l'aereo prima del lancio
Ignacio Bileris Munter, CEO e fondatore di Aeroespace, posa con l’aereo prima del lancio

Da quando avevo quindici anni costruisco razzi per lanciarli. Sono partita dal balcone di mia madre. Mi sono innamorato dell’industria aeronautica nel corso degli anni e ho smesso di pensare ai problemi futuri in questo settore. I missili più economici saranno quelli riutilizzabili. E i satelliti peseranno sempre meno», precisa l’esperto.

Ha aggiunto: “Presto ci saranno più lanci con satelliti piccoli che con quelli grandi. Non avranno motori o carburante che li appesantiscano. Quindi avranno bisogno di un servizio di trasporto che li metta in una certa orbita, perché il missile porta li avvicini, ma non li mette esattamente dove devono essere.” Per risolvere questo problema, abbiamo pensato di creare rimorchiatori spaziali. Oggi abbiamo lanciato il primo nello spazio per valutare il loro lavoro.

Il giovane imprenditore ha spiegato che ci sono circa 40 persone in Epic Aerospace. “Costruiamo le locomotive in Argentina e poi vanno in un impianto pilota in Uruguay, dove le integriamo. Abbiamo anche uffici commerciali a San Francisco, USA. In futuro miriamo a costruire una costellazione di locomotive. Sarebbe l’ideale di avere in orbita 50 di questi dispositivi, in attesa dei preparativi per cercare un satellite e collocarlo nella sua posizione orbitale. Dopodiché, stavano facendo rifornimento alle stazioni di servizio disposte nello spazio. Ha concluso dicendo: “Cerchiamo di costruire il prima rete di trasporto nello spazio, non per costruire un rimorchiatore per ogni satellite.”

Lancio della nave su un razzo SpaceX
Lancio della nave su un razzo SpaceX

Oltre a Belieres Monter, il team di Epic Aerospace è composto da ingegneri con una solida esperienza nello sviluppo di motori a razzo, veicoli spaziali e satelliti, come Ricardo Lang, Structural Engineering (ex CONAE), Andres Pozzi, Avionics Development, Jorge Paladini, Propulsion Engineering (ex Veng / CONAE), Nelson Villagra, Avionics Development (ex Veng/CONAE), Tomas Jaimovich, Fuel Development, Ignacio Corro, Structural Engineering (ex CITEDEF), Nicolás Riviere, Propulsion Engineering, Guido Marinelli, Flight Configuration (ex Veng/CONAE), Nicolas Lupi, Chief Financial Officer, Luca Estibinet, Finance and Operations, e Ignacio Piombo, Logistics.

READ  L'avanzata dell'MS-17 lascia la Stazione Spaziale Internazionale per far posto al nuovo modulo Prichal della Russia

Continuare a leggere: