Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

De Guindos fa appello a limitare le misure finanziarie per combattere la crisi ai più vulnerabili

vicepresidente Banca centrale europea (BCE), Luis de Guindos, ha ammesso che l’incertezza sull’economia dell’UE nel suo insieme è stata “enorme”. Di fronte a questa situazione, l’emittente “numero due” punta su a Una politica fiscale che concentra tutti i suoi sforzi sui più vulnerabili e più vulnerabili all’inflazioneed evitando misure espansive che possano mettere a repentaglio lo stato dei conti pubblici. L’ex ministro dell’Economia spagnolo ha riconosciuto che ci saranno ulteriori rialzi dei tassi nell’Eurozona dopo che avevano già raggiunto l’1,25% dopo l’ultimo aumento di 75 punti base nella riunione di giovedì scorso.

Lunedì de Guindos ha partecipato al forum “Encuentros en Castilla y León” organizzato dal quotidiano “El Norte de Castilla” e CajaMar, dove ha analizzato e insistito sull’attuale situazione economica L’entità non opera in uno scenario di recessione economica Anche se sì “rallentare”. Il vicepresidente della Banca centrale europea ha insistito sul fatto che l’Unione europea è in uno stato di “incertezza” e ha presentato che lo scenario centrale in cui opera l’entità non parla di recessione.

De Guindos, che non ha nascosto di essersi preparato anche lui, si è difeso Uno scenario “alternativo” estremamente negativo che inizia con un “taglio totale” delle forniture da parte della Russia Ciò comporterebbe un tasso di crescita negativo del -0,9%. Nonostante questo pensiero, De Guindos ha spiegato che lo scenario centrale in cui opera l’UE è una crescita dello 0,9% entro il 2023, un tasso che sarà “un po’ inferiore” al 2% nel 2024.

Per il vicepresidente della Banca centrale europea la situazione sarebbe un rallentamento nell’eurozona, ma ha evitato di essere catastrofico e ha assicurato che l’economia europea sarebbe cresciuta di nuovo nei prossimi anni. Nel suo discorso a questo forum, il vicepresidente della BCE ha insistito La situazione attuale richiede che non vengano commessi errori A suo avviso, uno di questi sarebbe l’attuazione di una politica fiscale “espansiva”. Pertanto, ha affermato che il distretto fiscale cerca di “esonere” famiglie e imprese dall’aumento dell’inflazione che in molti casi le costringe a sopportare una situazione “molto difficile”.

L’errore di attuare una politica fiscale espansiva

Per preparare le amarene L’attuale politica fiscale dovrebbe essere più selettiva e temporanea volta a ridurre l’inflazione nei soggetti vulnerabili dalla comunità. “L’inflazione non è percepita da tutti allo stesso modo e la politica fiscale espansiva non ha margini e sarà in conflitto con la politica monetaria”.

Il secondo degli “errori” cui fa riferimento de Guindos sarebbe Incoraggiare i cosiddetti “effetti di secondo turno” Questo porta a “vortici” di salari e aumenti di prezzo, il che significa una “perdita di competitività”. In questo senso, il vicepresidente della Banca centrale europea ha indicato che gli effetti delle misure promosse dall’organismo con prezzi più elevati avranno i loro effetti in un periodo di 18 o 24 mesi, e che ha presentato che ci sarebbero nuovi prezzi aumenti fino a quando l’inflazione non ha raggiunto circa il 2%.

Quanto a quanto potevano guadagnare queste persone, De Guindos è stato cauto e ha chiarito che si trattava di una cosa da valutare “partita per partita”. Infine, il vicepresidente della Banca centrale europea Il settore bancario ha messo in guardia sui problemi che potrebbero essere causati dall’adozione di misure a breve termine Hanno raccomandato di guardare al futuro in un momento “complesso” per l’economia dell’UE in cui ci sarà una crescita più bassa, un’inflazione “sostenuta e alta” e l’incertezza della guerra e dei suoi effetti sui prezzi dell’energia.

READ  Due mesi impegnativi al Business Travel Forum