Giugno 28, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

DIA taglia le vendite del 3,4% nel 2021 a causa dei cali in Spagna e Portogallo | comp

Le vendite del gruppo DIA sono crollate del 3,4% nel 2021, anno in cui la società ha chiuso con il 3,8% in meno di istituzioni aperte ed è stata caratterizzata da cali in Spagna e Portogallo poiché gli acquisti sono tornati alla normalità dopo le restrizioni dirette al 2020. Secondo un’anteprima dei risultati, la società ha inviato giovedì a CNMV, la società ha chiuso l’anno con un fatturato netto di 6.647,7 milioni di euro e con 5.937 negozi operativi nei quattro paesi in cui opera.

Nel mercato spagnolo le vendite sono diminuite del 6,6%, a 4.298 milioni, e in Portogallo, le vendite sono diminuite del 5,9%, a 592 milioni di euro. Come dettagliato dall’azienda, il 2020 è stato caratterizzato da “acquisti straordinari” di forniture a causa delle restrizioni alla mobilità principalmente in questi due mercati che nel 2021 sono stati “normalizzati”.

La DIA ha così comunicato che il numero dei biglietti e il ritmo di acquisto sono cresciuti del 3,3%, nonostante la diminuzione del valore del paniere del 6,7%, che a suo avviso rappresenta un cambio di tendenza per il 2020. Nel caso del Brasile, le vendite sono diminuite del 13,8% e sono state pari a 802,1 milioni di euro, mentre le vendite in Argentina sono aumentate del 28,2% e hanno superato i 1042 milioni di euro.

Per DIA, il risultato “eccezionale” nel mercato argentino risponde alle misure operative e commerciali messe in atto dalla società e all’aumento dell’inflazione da svalutazione valuta. Allo stesso modo, il gruppo ha confermato una crescita del 5% delle vendite rispetto al 2019 in valori Mi piace contro Mi piace o vendite simili.

READ  Il prezzo del dollaro oggi, martedì 9 novembre 2021: il cambio è ancora superiore a S/4

Per Stephane Ducharme, CEO di DIA, il 2021 è stato un anno “difficile” in termini di sviluppo delle vendite anno su anno ed è fiducioso che il 2022 consentirà una visione “più chiara” dello slancio delle azioni di trasformazione. Tra questi, ha menzionato il restyling di 1.000 negozi, la promozione di un nuovo modello di franchising e il miglioramento dell’assortimento.

Ha anche avvertito delle tensioni inflazionistiche nel settore dovute all’aumento dei prezzi delle materie prime, dell’energia e dei combustibili, che “si prevede che continueranno per gran parte del 2022”. La DIA ha anche riferito che pubblicherà i suoi risultati annuali il 28 febbraio.