Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Diabete, cancro e rifugiati nella pittura: gli ultimi anni di Syd Barrett, i Pink Floyd di Mad Diamond

Il puzzle, sebbene triste, diventava sempre più chiaro: tensioni continue e comportamenti irregolari Syd Barrett, membro fondatore e principale forza creativa dietro i primi anni di vita dei Pink Floyderano insostenibili nel 1967 e nel 1968.

Alla ricerca di una soluzione, i musicisti della band hanno deciso che era meglio trovare qualcuno che potesse sostituire il ruolo di Barrett negli spettacoli dal vivo. Così, il chitarrista e il cantante possono contare sul tempo per riprendersi, per partecipare solo alle registrazioni e ai concerti che desidera. Un tipo di formula simile alla formula utilizzata in precedenza ragazzi della spiaggia insieme a Brian Wilsonche, lontano dal palco, ha continuato a lavorare come compositore musicale della band.

a) si, David Gilmoreun amico di Ruggero Acque Barrett sin dai tempi del college, si unì nel 1968 come quinto Floyd. Ma la “soluzione” iniziò presto a fallire. Ma, non sorprende che Barrett fosse ben lungi dal migliorare. Al contrario, si immergeva sempre di più in uno stato di estasi eterna e riuscire a farlo esibire bene durante le esibizioni e le registrazioni diventava impossibile.

Paese d’origine. Da sinistra a destra: Roger Waters, Nick Mason, Syd Barrett e Rick Wright. Foto di Keystone Features / Getty Images

La band ha eseguito solo cinque concerti con questa formazione. Tra rammarico e una difesa dell’allenatore che sosteneva che la situazione non fosse economicamente sostenibile, Syed è stato successivamente allontanato dal gruppo che ha partorito. Successivamente, ha avuto una breve carriera da solista che ha visto due album come frutto, Madcap ride (1970) e Barrett (1970), e le sue canzoni sono state prodotte da David Gilmore, e il suo nome è una band di supporto stelle che non ha funzionato, il che ha portato al suo eventuale – e anticipato – ritiro dalla musica. Non collegata Fece un fugace ritorno nel 1974, lasciando una serie di registrazioni agli Abbey Road Studios per volere di diversi artisti che lo ammiravano, incluso David Bowie.

Tuttavia, lungi dal cadere nell’oblio, Il suo nome è diventato una leggenda del rock dal vivo. Un vero esempio di come un genio possa perdersi nella sua testa. Le successive composizioni dei Pink Floyd hanno solo alimentato quello stato leggendario e martirizzato: Sebbene non fosse più vicino a loro, il declino di Barrett fu una delle più potenti fonti di ispirazione di Roger Waters.che ha assunto il ruolo di paroliere nella seconda era del gruppo.

READ  Anteprime di Netflix: questo è stato l'addio di Netflix a La Casa de Papel; Addio alla band
Syd Barrett, membro fondatore dei Pink Floyd
Syd Barrett, membro fondatore dei Pink Floyd

Brilla, pazzo diamante! È l’omaggio perfetto dei Pink Floyd al suo ex compagno: dal significato dei suoi versi (“Ricordo quando eravamo giovani, / Brillava come il sole / Adesso avevo quello sguardo nei tuoi occhi, / Come buchi neri nel cielo “) per nascondere il nome esatto nelle iniziali alternative della canzone.

Contiene anche uno dei racconti più pervasivi della band. Durante la registrazione dell’album Ti vorrei qui (1975)E il Un uomo completamente calvo con le sopracciglia rasate si avvicinò alla sala di controllo. La sua presenza ha stupito i musicisti che non capivano chi stava guardando quello sconosciuto, per caso, mentre stavano finendo di registrare quella canzone.

Syd Barrett, membro fondatore dei Pink Floyd
Syd Barrett, membro fondatore dei Pink Floyd

Waters è stato il primo a rendersi conto che questa esistenza non era altro che Barrett, irriconoscibile dai suoi ex compagni di classe. Si sarebbe persino offerto di registrare alcune chitarre per la canzone, che presumibilmente trovava un po’ “vecchio stile”. Potrebbe essere stata l’ultima volta che si sono incontrati tutti. Il momento è stato segnato dalla profondità della proposta concettuale per l’album e il film il muro (pubblicato rispettivamente nel 1979 e nel 1982), dove il personaggio Pink si ispira all’ex membro del gruppo.

Nel 1978 decise di tornare a Cambridge per stabilirsi a casa di sua madre. Nel 1982 tornò a Londra per un certo periodo, ma solo per decidere che avrebbe trascorso il resto della sua vita nella sua città natale. a) si, Ho deciso di percorrere a piedi quasi 80 chilometri tra le due città.

Non si conoscono molti dettagli su quali siano stati i suoi ultimi anniNonostante il fatto che giornalisti e fan uscissero ogni tanto da casa sua per cercare di avere una conversazione con lui. Nel complesso, questi dialoghi sono finiti per essere molto brevi e poco produttivi.

A quei tempi, tornò al suo nome di nascita (Roger Barrett) e smise di riconoscersi come Syd, sostenendo di non conoscere quella persona quando qualcuno lo consultò. Consciamente o inconsciamente, voleva lasciarsi alle spalle quella fase della sua vita.

READ  Irina Shayk e Bradley Cooper trascorrono il Ringraziamento insieme
Syd Barrett, membro fondatore dei Pink Floyd
Syd Barrett, membro fondatore dei Pink Floyd

Quando tornò a Cambridge, si trasferì a vivere con la madre, che si era sempre preoccupata per la salute del figlio, e lo aveva più volte esortato a frequentare la terapia, nella speranza che un aiuto professionale potesse migliorare la sua vita quotidiana. Quando è arrivata da Londra al letto di sua madre, Barrett Ho trascorso del tempo all’ospedale psichiatrico di Fullborn. Una volta dimesso, continuare il trattamento in regime ambulatoriale. Tuttavia, la sua soluzione migliore è frequentare una terapia di gruppo, fino a quando non decide di interrompere bruscamente e da un giorno all’altro.

A quel tempo, sua madre era convinta che svolgere un’attività regolare potesse aiutarlo a rimanere più sedentario. Così, la madre di Roger Waters lo aiutò a trovare un lavoro come giardiniere a casa di alcuni amici che avevano una buona posizione economica. Tutto stava andando bene fino a quando non si è verificata una nuova crisi: di nuovo, all’improvviso, ha lanciato i suoi strumenti e non è più stato lasciato per tornare.

Si dedicò tutta la vita alla pittura, attività che coltivò fin dall’infanzia. Naturalmente, oltre a fare piccoli schizzi, Barrett era solito dipingere le grandi tele che aveva accatastato nel suo soggiorno, quelle che erano visibili dalla strada. E quando nessuno lo convinse, lo bruciò semplicemente.

Quando sua madre morì, Barrett fu lasciata alle cure della sorella e del patrigno. Come parte del suo lutto, ha preso e bruciato molti dei suoi disegni e taccuini, nonché l’albero che era nel suo cortile: un modo per salutare sua madre, chiudere un’era e iniziarne una nuova.

Syd Barrett, membro fondatore dei Pink Floyd, fotografato nel marzo 2003.
Syd Barrett, membro fondatore dei Pink Floyd, fotografato nel marzo 2003.

Tuttavia, Il fratello e la sorella di sua sorella hanno confermato che vive una vita abbastanza normale e tranquilla. Andava in bicicletta al centro commerciale, teneva gli appuntamenti dal dottore e passava i pomeriggi a disegnare, scrivere o fare giardinaggio. Anche se ha ascoltato alcune registrazioni, la musica non lo ha disturbato di nuovo, almeno per non averla suonata. Oltre a ricevere una pensione di invalidità, il suo reddito includeva anche i diritti d’autore dal suo lavoro con i Pink Floyd (Gilmore teneva profondamente al loro accesso al suo conto bancario).

READ  Questo sarà il tuo giorno secondo il tuo segno zodiacale

Una delle sue ultime interviste è stata con un giornalista del quotidiano britannico The Guardian, venuto nel suo quartiere per scambiare alcune parole con lui. Ha chiesto se conosceva Syd Barrett, a cui il musicista ha risposto: “Non l’ho mai sentito nominare. È uno di quei rapper?”

“Era un genio psichedelico. Ha risposto: sei il signor Barrett?” Lasciami in pace. gli disse Barrett, poi si voltò dall’interlocutore.

Syd Barrett, membro fondatore dei Pink Floyd
Syd Barrett, membro fondatore dei Pink Floyd

Giornalista nel 2002 circa Tim Willis È venuto a casa sua cercando di parlargli. Stava scrivendo un’autobiografia sull’ex leader di una delle band più importanti della storia del rock. Dopo aver bussato un paio di volte alla sua porta, Barrett è uscito per vedere chi stava giocando in mutande.

Alla domanda se dipinge ancora, la risposta è stata no. “No, non sto facendo niente. Mi occupo solo di questo posto per ora”, rispose. “Finora? Stai pensando di andare avanti? “”Beh, non rimarrò qui per sempre“, ha sostenuto l’artista. Qui a Cambridge o in questo mondo?

Nel luglio 2006, Barrett è morto all’età di 60 anni di cancro al pancreas e diabete di tipo B, una condizione genetica scoperta nel 1998.. La sua salute è sempre stata oggetto di molteplici speculazioni e studi.

Mentre alcuni hanno sostenuto che i suoi problemi fossero legati all’abuso di sostanze, altri credono che il suo uso abbia solo esacerbato una condizione preesistente: la schizofrenia. È stato anche suggerito che il musicista possa appartenere allo spettro dell’autismo, in particolare a un certo grado di malattia di Asperger. Il motivo del loro futuro non è stato confermato con certezza. Quel che è certo è che la sua vita, fugace e complessa, ha trasceso per sempre la storia della musica mondiale.