Ottobre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dialoghi americani senza escludere le minacce di imporre sanzioni alla Russia

Gli Stati Uniti hanno lasciato sul tavolo potenziali sanzioni contro la Russia lunedì al termine di un incontro a Ginevra, in Svizzera, sullo sfondo delle tensioni diplomatiche tra le due potenze sull’Ucraina.

Il sottosegretario di Stato Wendy Sherman ha affermato che il suo paese e la Russia hanno una migliore comprensione delle preoccupazioni e delle priorità dell’altro.

In questo senso, gli Stati Uniti sono condizionati a eventuali progressi che la Russia intraprenderà “passi concreti per allentare le tensioni”, ha detto Sherman, ripetendo le minacce su possibili azioni che gli Stati Uniti e i loro alleati avrebbero intrapreso se il paese eurasiatico avesse lanciato un’invasione contro l’Ucraina, per un punto che il Cremlino nega e lo rifiuta.

Parlando ai giornalisti dopo aver concluso otto ore di colloqui con funzionari russi, il secondo diplomatico statunitense ha osservato che questi costi includerebbero, tra le altre cose, pesanti sanzioni pecuniarie.

Ha anche commentato che gli Stati Uniti sono aperti a discutere del futuro di alcuni sistemi missilistici sul cosiddetto Vecchio Continente in relazione al vecchio Trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio (INF), che l’ex presidente Donald Trump ha ritirato (2012-2021) . nel 2018.

L’incontro di Ginevra, che ha avuto luogo nel contesto del Dialogo di stabilità strategica, concordato a giugno dal presidente Joe Biden e dal suo omologo russo Vladimir Putin, è un forum per Washington e Mosca per affrontare direttamente i problemi di sicurezza e le soluzioni finali.

Sherman dovrebbe quindi recarsi a Bruxelles, in Belgio, per informare i partner della NATO sui colloqui bilaterali con la Russia.

Ha sottolineato che gli Stati Uniti sono pronti a continuare le discussioni su questioni bilaterali, ma che “i negoziati su questioni complesse come il controllo degli armamenti non possono essere completati entro giorni o addirittura settimane”.

READ  Cuba condanna le dichiarazioni degli Stati Uniti contro la Cina

Per quanto riguarda la Russia, le principali questioni relative alle proposte di garanzie di sicurezza sono state sospese nella riunione di lunedì, secondo la discrezione del vice consigliere di Stato eurasiatico, Sergei Ryabkov.

Imparentato 👉 La Russia ritiene che sia ingenuo aspettarsi progressi nei colloqui con gli Stati Uniti e la NATO

Tuttavia, il funzionario ha ritenuto i negoziati molto concreti e sostanziali e ha osservato che i diplomatici russi hanno avuto l’opportunità di presentare la logica e il contenuto delle bozze di accordi che sono state consegnate a Washington e alla leadership della NATO.

Le decisioni politiche verranno prese dopo i colloqui del 12 gennaio con l’alleanza militare e l’incontro del giorno successivo con l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa.

La Russia ha chiarito quanto sia importante per il suo Paese avere garanzie legali contro l’espansione della NATO e contro il dispiegamento di forze offensive vicino ai suoi confini che potrebbero colpire obiettivi sul suo territorio.