Febbraio 26, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Diario de Cuyo – Il furto di un dipinto del XVII secolo sconvolge l'Italia e denunciato il sottosegretario alla Cultura

Diario de Cuyo – Il furto di un dipinto del XVII secolo sconvolge l'Italia e denunciato il sottosegretario alla Cultura

Uno scandalo di risonanza internazionale scuote in questi giorni l'Italia, dopo che i media locali hanno annunciato che Vittorio Scarpi, sottosegretario alla Cultura, è indagato per il furto del dipinto “L'Arresta di San Pietro” di Rutilio Manetti avvenuto il 17. secolo ed è scomparso dal castello di Buriasco in Piemonte nel 2013, ma è riapparso poche settimane fa in una mostra nella città medievale di Lucca, di proprietà di un politico e critico d'arte.

Secondo il quotidiano Il Fatto Quotidiano e il programma investigativo della RAI, la Procura del Nord e Centro Italia sta indagando su Scarpi per furto di beni culturali ed esproprio di opere d'arte, un nuovo caso in cui un funzionario europeo attacca il patrimonio culturale nazionale. L'ultimo e più clamoroso caso è stato scoperto l'anno scorso al British Museum, dove quasi 2.000 piccoli oggetti storici sono scomparsi a causa di piccoli furti sistematici nel corso degli anni.

Sebbene Sgarbi abbia affermato che le opere esposte a Lucca alla mostra “I Pittori della Luce” fossero “duplicati” di un dipinto di Manetti perduto 10 anni fa, la procura di Macerata, città dove vive Sgarbi, ha realizzato una copia della tela degna di nota. centinaia di migliaia di euro e lo hanno registrato nel database Interpol delle opere d'arte smarrite, scomparse o rubate. , il restauratore e i proprietari dell'azienda reggiana sono indagati dalla polizia italiana.

Prima del 2013 il dipinto si trovava nel Castello di Buriasco di proprietà di Margherita Puggio, che si rifiutò di venderlo a Scorpi dopo che un collaboratore del funzionario si offrì di acquistarlo.

Secondo la stampa, la donna ha riferito che i ladri hanno fatto irruzione nel castello, hanno fatto a pezzi la tela del Manetti e l'hanno sostituita con una fotografia dell'opera. Ma il dipinto esposto a Lucca è diverso dalla fotografia sopra: sullo sfondo della tela si vede una torcia e non compare nella cattura fotografica fornita dal denunciante come prova.

READ  Polemica: Dante Alighieri è il fondatore del pensiero di destra in Italia?

Il sottosegretario, dal canto suo, ha detto di aver scoperto l'opera “per caso” a Villa Mydalcina, residenza aristocratica acquistata dalla madre Rita Cavallini nel 2000, e ha ribadito che si trattava di una copia. Ora i ricercatori devono verificare se questo è vero o no.

È dubbio che Scurby possa aver aggiunto una torcia sullo sfondo del dipinto originale per “ingannare” e non identificarlo come un dipinto rubato.

È un funzionario controverso, protagonista di diverse polemiche nel suo Paese, accusato di farsi pagare per consulenze nonostante il suo incarico pubblico, che la legge italiana vieta dal 2004.

In Italia chi svolge funzioni di governo non è autorizzato a “esercitare attività professionali o a esercitare la libera professione in questioni attinenti alle proprie funzioni”, ma il quotidiano Il Fatto Quotidiano ha condannato i “soldi d'oro” che Sgarbi guadagnava “in violazione della legge “. Avrebbe ricevuto “300mila euro in nove mesi”.