Ottobre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dieci anni dopo, l’Italia rende omaggio alle vittime del naufragio della Costa Concordia

Prima modifica:

Questo giovedì, 13 gennaio, ricorre il decimo anniversario dell’affondamento della nave da crociera Costa Concordia che trasportava 4.229 persone da 70 paesi ed è affondata al largo dell’isola del Giglio, nel nord-ovest dell’Italia. I sopravvissuti e i parenti delle 32 vittime si sono riuniti al servizio funebre per rendere omaggio.

Giovedì 13 gennaio molti residenti dell’Isola del Giglio hanno assistito a una funzione commemorativa in Italia, per rendere omaggio alle vittime della nave da crociera Costa Concordia dieci anni fa.

Per questo tragico anniversario si è tenuto un incontro presso la chiesa dove quella notte sono affondati molti dei sopravvissuti che si erano rifugiati a temperature sotto lo zero il 13 gennaio 2012.

Al termine della cerimonia, alle 21:45, una veglia a lume di candela.

Con l’aiuto delle barche della Guardia Costiera, molti di coloro che hanno partecipato si sono vestiti per la serata mentre la nave affondava al largo.

“Capitano codardo” di Costa Concordia

Molti dei sopravvissuti hanno partecipato giovedì a una funzione commemorativa sull’isola del Giglio. L’italiana Esther Pergosy è stata una delle sopravvissute al naufragio della Costa Concordia. Per lei, l’omaggio più importante è ricordare i morti e ringraziare ancora gli isolani che hanno aiutato i membri della squadra e i viaggiatori a uscire dall’acqua nel buio dell’inverno.

“È molto emozionante. Soprattutto, siamo qui oggi per ricordare coloro che non erano con noi, per riconquistare l’inferno che abbiamo vissuto e per cercare in qualche modo di fuggire”, ha detto Pergosy quando è arrivato ai promemoria. “Ricordo le urla delle persone che si tuffavano in mare. Ricordo la sensazione fredda e terrificante negli occhi di tutti”.

READ  La tradizione di paralizzare il paese ogni agosto dal 18 a.C.

Francesco Sketino, il capitano della Costa Concordia, non è ben ricordato dai sopravvissuti o da molti in Italia. La guida della barca, l’uomo che avrebbe dovuto essere l’ultimo in caso di naufragio, è sfuggito all’incidente notturno del 13 gennaio 2012, lasciando centinaia di persone che lottano per sopravvivere.

Il capitano della marina italiana, Gregorio de Falco, coordinatore dei soccorsi nell’affondamento della Costa Concordia, ha promesso che ciò era dovuto al “comportamento vergognoso” del comandante Shettino.

“Questo non è un incidente di navigazione. Era tutto dovuto al comportamento irrispettoso di una persona”, ha detto de Falco. Uno c’è».

I media italiani hanno definito Shettino un “capitano codardo” per aver abbandonato la nave durante l’operazione di salvataggio. Dopo diversi anni di processo, è stato condannato nel 2017 a 16 anni di carcere con l’accusa di omicidio colposo.

Il fantasma che non se ne va

Nella memoria degli italiani, Russell Rebello sarà sempre considerato un “eroe”. Il giovane membro dell’equipaggio che faceva parte dell’equipaggio di Costa Concordia ha aiutato molti a scendere dalla nave, ed è stato uno dei pochi a rimanere fino alla fine cercando di svuotare la barca.

“Mio fratello ha fatto il suo dovere, ha perso la vita aiutando gli altri. Ovviamente ne sono orgoglioso e penso che sia molto orgoglioso di quello che ha fatto”, ha detto Kevin Rebello, il fratello della vittima. Durante la commemorazione al Giglio questo giovedì.

Il giovane ha vissuto per diversi mesi nell’isola della Toscana, mentre un gruppo di subacquei cercava il fratello in mare. Ma molti anni dopo, il corpo fu ritrovato solo quando il grande scafo arrugginito della barca fu riparato e rimorchiato via.

READ  L'Italia eviterà un calo del PIL in autunno nonostante le terribili aspettative

Nel complesso, la Costa Concordia è arenata in mare da due anni e mezzo. Ma, per alcuni dei residenti di Kiglio, è un fantasma che non ha mai lasciato.

Con EFE, AP e Reuters