Ottobre 6, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Diego e il calcio hanno un altro spazio tutto loro | Mostra Futboltis, organizzata da Maradoni fanatico

Fino al 15 settembre potrete godervi, con ingresso gratuito dalle 11:00 alle 18:00 e dal lunedì al sabato, la Fiera Futbolitis, In onore di Diego Maradona, nel Tamigi 1876, nel quartiere Palermo. È composto da foto originali e di ottima qualità, magliette, libri e altri souvenir. Ci sono anche prodotti che fanno riferimento al calcio in generale.

L’organizzatore è Ezequiel Surani, grafico e fan di River, ma fan di Diego, con il quale ha condiviso momenti a Buenos Aires e in Inghilterra, paese in cui è andato a vivere nel 2001. “Diego mi ha cambiato la vita”, ha detto Libero durante il tour, che inizia con un tunnel dalle pareti bianche con le immagini incorniciate di Eduardo Longoni a destra e Jorge Figo a sinistra.

Oltre a Maradona, ci sono altre personalità che hanno segnato la sua vita calcistica. Sul lato vecchio ci sono immagini di allenamento di Scelto da Carlos Bilardo nei turni prima della Coppa del Mondo in Messico 1986. Tra i giocatori, oltre a Diego, ci sono Riccardo Puccini (ce ne sono tanti), Claudio Borghi, Jose Luis Cuchevo, Jorge Burruchaga, Riccardo Giusti, Neri Pompidou e Jorge Valdano.

Ci sono sequenze imperdibili dei due gol di Diego contro l’Inghilterra nel Mondiale in Messico. Alcuni sono colorati, altri sono in bianco e nero. Ci sono anche i festeggiamenti dopo la consacrazione contro la Germania.

“Un giorno Ariel, figlio di Jorge Vigo, mi ha mostrato una borsa di foto e mi ha detto che non sapeva cosa farne. Non potevo crederci, perché sono immagini uniche e irripetibili. Quindi abbiamo immediatamente concordato che potessero far parte dello spettacolo”, afferma Sorani, un tifoso di calcio.

READ  Halo Infinite ha un'edizione da collezione ufficiale? Xbox chiarisce i dubbi

Tra le immagini mostrate da Longoni c’è Gabriel Batistuta (con la maglia del Boca) o Leonardo Rodríguez al suo meglio, Quando nei primi anni ’90 era il simbolo della squadra prescelta diretta da Alfio Basile. Un altro che è apparso in più di una foto è Giulio Grondona nel suo ruolo di presidente della Confederazione calcistica asiatica. E quelli in Messico non mancano.

Puoi anche vedere le magliette realizzate da un designer di La Plata, che si riferisce ai modelli di magliette L’Armani che indossava Maradona negli anni ’90. Ci sono dipinti disegnati da artisti diversi e stili diversi. Tra questi c’è un murale con le maglie di ogni squadra di cui faceva parte Diego.

C’è anche una biblioteca con titoli riferiti a Diego Maradona. In un altro settore appendi maglie di squadre diverse e di epoche diverse. tra loro, Il tipico color crema con due strisce verticali di rosso che Diego usava ai suoi tempi da Cebollita, Questo è stato osservato nelle antiche fotografie classiche. “Dicono che sia l’originale, ma non posso esserne sicuro”, ha detto Sorani a Líbero. È così logoro e vecchio che potresti anche pensare che sia quello usato da Lint.

Altre foto e dipinti incorniciati sono accatastati in un ufficio chiuso al pubblico. Sorprendi alcuni Immagini di alta qualità di partite di calcio non ufficiali giocate negli stadi dei Paesi Bassi. In essi puoi vedere giocatori di età diverse e persino un arbitro molto forte in momenti calcistici perfettamente catturati.

Sorani ha sfruttato il suo spazio per assecondare altri gusti personali. Questo è il motivo per cui mostra le immagini James Gandolfini nel ruolo di Tony Soprano, E altri personaggi de I Soprano, di cui si considera un fan. “È la migliore serie di sempre”, suggerisce. Ci sono calze, thermos con stemma del club, numeri di calcio e serial, riviste, striscioni, cappelli, palloni e persino Portachiavi e plastica dei 78 tempi dei Mondiali.

READ  I parenti cercano aiuto nella ricerca di una ragazza scomparsa da un anno nel sud della Florida - NBC 7 nel sud della Florida

È un viaggio nel passato ma anche nella memoria di Diego Maradona, la cui morte ha scosso l’organizzatore della mostra. “Non dimenticherò mai il numero di messaggi che sono arrivati ​​al mio telefono dicendo che Diego è morto. Non potevo crederci. È stato uno dei momenti peggiori che abbia mai avuto. Non ho smesso di piangere. “Mi manca ancora oggi”, ha detto al giornale.

La mostra riferita a Maradona è visitabile fino alla metà del prossimo mese. Il 16 settembre inizierà un altro evento in onore del campione del 73° anno del Metropolitan Hurricane, poiché quel giorno sarà il 49° anniversario del titolo. Quel pomeriggio, la squadra guidata da Cesar Luis Menotti ha perso 2-1 con Gimnasia ed Esgrima La Plata. In Thomas Ducaw. Ma la sconfitta del Boca contro il Velez ha permesso a un numero sufficiente di squadre sportive di celebrare due date finali. “Il ciclone sarà l’argomento principale fino alla fine dell’anno”, afferma Surani.

Poi vedremo con cosa continuare. Magari ci sarà il calcio tedesco e magari potremo fare un altro campione esclusivo di Maradona e Napoli. Non limitiamo i seguenti argomenti, perché il calcio ti dà possibilità illimitate per mostrare qualcosa di originale, qualcosa che ci collega tutti, che ci commuove. Che sì, sicuramente che fino alla fine del 2024 in questo spazio, tutto ruoterà attorno al calcio”.