Gennaio 28, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Difesa, sempre più complessa, ma necessaria in NBA

Contrariamente a quanto implicano i giochi di alto livello, i giocatori difendono ancora nell’NBA,

È vero.

Il compito di fermare giocatori come il serbo Nikola Jokic, lo sloveno Luka Doncic, il camerunese Joel Embiid o tanti altri è più complesso che mai.

L’allenatore degli Indiana Pacers Rick Carlisle ha descritto il ruolo della difesa contro un giocatore d’élite, o di riserva.

“Cercare di difendersi ora in NBA è folle e disastroso”, ha detto.

Una combinazione di modifiche alle regole, modifiche al gameplay, la costante dipendenza da 3 puntatori e altro ancora trasformano il gioco in attacco.

Qualcuno otterrà il premio Difensore difensivo dell’anno anche in una stagione in cui sembra che nessuno possa fermare la palla. Sembra che più giocatori avranno una media di 20 punti a partita che mai.

Un decennio fa, solo dieci giocatori potevano raggiungere questo obiettivo. In questa stagione non è da escludere che lo raggiungano almeno 50 giocatori (erano 27 la scorsa stagione e 31 nella stagione 2020-21).

La Nba analizzerà tutte le variabili dopo la stagione. Ma poiché i fan adorano tirare e non c’è niente di sbagliato in quella situazione, non sembra che ci sarà un cambio di regola a favore dei difensori.

“Per me come fan, il livello di talento è fuori scala e questo ha a che fare con quello che stiamo vedendo”, ha detto il commissario Adam Silver la scorsa settimana a Parigi. “Naturalmente, un aumento dei tiri da 3 genererà più punti, soprattutto da giocatori come i centri che colpiscono da 3 punti così bene come loro”.

Dalle zone difensive alle manovre insistenti, le squadre hanno provato un po’ di tutto per fermare le stelle offensive. Eppure sono riusciti a brillare. Donovan Mitchell ha segnato 71 punti il ​​2 gennaio con Cleveland. Zach LaVine di Chicago ha realizzato 11 tiri da tre punti nel Day 6 e Jimmy Butler di Miami ha realizzato 23 dei suoi 23 tiri liberi nel Day 10.

READ  Gerardo Martino si prepara ai cambi per affrontare l'Argentina; Andres Guardado e Funes Mori puntano all'undicesimo posto

Il gioco difensivo è sempre più difficile, ma non impossibile.

“Richiede solo un ottimo contatto difensivo”, ha spiegato Carlisle.

Il numero di punti è stato nuovamente aumentato in questa campagna. Le squadre hanno una media di più punti (114,1) che in qualsiasi momento del campionato negli ultimi 50 anni. Sacramento è in testa con 120 punti a partita e sei giocatori hanno una media di 12 o più punti.

Ma l’NBA sa che qualsiasi modifica o modifica alle regole viene sempre contrastata da giocatori intelligenti, che trovano un altro modo per ottenere ciò che vogliono.

“Ricordo che la gente diceva: ‘Riguarda i tuffi, non i colpi.'” Ora è: “Si sono messi molto bene. disse Argento. “Vedremo cosa accadrà.”