Gennaio 28, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Digitalizzazione della sanità, cambio di paradigma in atto ma tanta strada da fare | comp

La digitalizzazione del sistema sanitario, che ha premuto sull’acceleratore durante i lockdown per il COVID-19, continua ad avanzare, ma la strada è ancora lunga. L’intenzione di Bruxelles, all’interno del progetto Contratto Digitale, è che la sanità continui la trasformazione digitale di altri grandi ecosistemi sia per operazioni complesse, come operazioni o rilevazioni, sia per verifiche e controlli periodici sui cittadini. La combinazione di diverse tecnologie porterà a risparmi significativi nei costi giornalieri, secondo gli esperti. L’Europa calcola infatti che la digitalizzazione della sanità genererà 120.000 milioni di benefici all’anno nel 2030.

“L’implementazione dei big data o dell’intelligenza artificiale sarà fondamentale per tutti i settori”, osservano dalla società tecnologica spagnola Pandora FMS. La Spagna non vuole restare indietro. Secondo la Strategia per la salute digitale del Ministero guidata da Carolina D’aria, la promozione dell’uso delle nuove tecnologie nella vita quotidiana del sistema sanitario è uno degli assi della Spagna digitale per il 2025. Si prevede che in quell’anno l’intero popolazione disporrà di una connessione Internet di alta qualità, che porterà all’utilizzo dei servizi pubblici online.

La Spagna prevede che il 25% delle aziende disporrà di “big data” o intelligenza artificiale nel 2025

“La trasformazione digitale della salute comporta il miglioramento dell’attività online, la riduzione dell’uso della carta, il miglioramento dei database e il controllo di tutte le informazioni mediche”, spiega Sancho Llerena, CEO di Pandora FMS, che sostiene anche il risparmio e l’efficienza. Questi progressi sono già utilizzati per aumentare i loro benefici.

L’ulteriore digitalizzazione dell’assistenza sanitaria comporterà diversi cambiamenti. Uno di questi è la telemedicina, che durante la pandemia è cresciuta davvero in modo esponenziale. Secondo i dati diffusi dalla Commissione Europea, è cresciuto di più in un mese che negli ultimi dieci anni a causa della pandemia. Altra novità è l’accesso ai servizi digitali, considerato il futuro dei sistemi pubblici. E infine, la sicurezza informatica. “I dati, sia per le aziende che per i pazienti, hanno un valore sufficiente perché le organizzazioni investano nella loro protezione”, sottolinea Pandora, sistemi che servono Rakuten, Telefónica o centri ospedalieri come il Canadian Centre di Ottawa, tra gli altri.

READ  Gli investitori in ETF prelevano 8 miliardi di dollari da due grandi fondi

La Spagna prevede che il 25% delle aziende disporrà di big data o intelligenza artificiale entro il 2025 ed entro il 2030 la sfida è raggiungere il 75% in tutta Europa.

L’ultimo report di Capgemini per l’e-Government Standard 2022 evidenzia che oltre l’80% dei servizi pubblici europei è già online, ma nell’eHealth c’è ancora margine di miglioramento. Il tasso di maturità complessivo per i servizi sanitari digitali in Europa è del 63%. Lussemburgo, Estonia e Malta guidano il gruppo con punteggi superiori al 90%, “con servizi pubblici online incentrati sull’utente, trasparenti, tecnologicamente abilitati e transfrontalieri”.

Lussemburgo, Estonia e Malta guidano i servizi sanitari digitali in Europa

Lo studio evidenzia inoltre che il futuro successo dell’e-government dipende dalla fornitura di servizi completi a vari utenti per soddisfare le esigenze individuali di ogni persona, comprese quelle con determinate disabilità o con un’alfabetizzazione digitale limitata.

Dei paesi esaminati, otto hanno un punteggio di maturità inferiore al 50%, il che significa che i loro cittadini non si sono ancora rivolti ai media non digitali.

Investire nell’innovazione

centri di assistenza. Nella seconda edizione dell’incontro dei dipartimenti dell’amministrazione e dei servizi sanitari, organizzato dalla Fondazione dell’Associazione spagnola dei direttori sanitari (Sedisa), più di cento dirigenti hanno concluso che la Spagna ha una base tecnologica nella digitalizzazione dei centri sanitari, nonostante la capacità di investimento in innovazione sia bassa rispetto ai paesi limitrofi. Indubbiamente, la digitalizzazione, i big data e l’intelligenza artificiale sono strumenti strategici per aiutare la gestione della salute basata sul valore, ma è necessario analizzare gli ambiti in cui la loro applicazione è urgente, la sostenibilità economica e ambientale della digitalizzazione, l’ottimizzazione dei processi, l’interoperabilità e la centralità, lo ha sottolineato al forum tenutosi recentemente a Madrid.

READ  Petrobras aumenta i prezzi della benzina e del diesel per i distributori

le difficoltà. Secondo un sondaggio online dell’Associazione spagnola dei medici di base (Semergen), il 57,6% dei medici di base ha più o meno difficoltà a vedere test e diagnosi per i pazienti nella loro quota che vengono eseguiti da un altro professionista. Gli intervistati percepiscono l’accesso a servizi come la piccola chirurgia ambulatoriale, le cure palliative o l’assistenza domiciliare come diverso o molto diverso tra le diverse comunità. “Queste disuguaglianze limitano la capacità del medico di agire e risolvere, portando a inefficienza e ritardo”, afferma il presidente di Semergen, José Polo.