Maggio 18, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Djokovic è tornato alla corte australiana per evitare l’espulsione

Novak Djokovic è tornato in tribunale domenica nel tentativo di evitare la deportazione da parte del governo e uno dei suoi ministri ha affermato che la stella del tennis è considerata un emblema della comunità anti-vaccino.

Tre giudici della corte federale esamineranno l’appello, un giorno prima che il miglior tennista del mondo, che ha vinto nove volte gli Australian Open, abbia contestato la sua prima partita nell’edizione in corso, nel tentativo di ricontrollare la sua bacchetta. .

Djokovic ha trascorso sabato notte in custodia in un hotel utilizzato dalle autorità dell’immigrazione. Ore prima, i suoi avvocati hanno tenuto un incontro mattutino con le suddette autorità.

Le riprese televisive hanno mostrato la star di 34 anni in un’auto con indosso una maschera vicino all’hotel.

Un serbo può lasciare l’hotel di detenzione per trascorrere la domenica negli studi del suo avvocato, sotto la sorveglianza di due funzionari dell’immigrazione, mentre è in corso l’udienza, in collegamento video.

Djokovic aveva già trascorso quattro notti rinchiuso in un hotel vicino al centro di Melbourne prima di essere rilasciato lunedì, quando ha vinto il ricorso contro la revoca del visto per procedure procedurali.

Venerdì il ministro dell’Immigrazione Alex Hawke ha revocato nuovamente il visto del tennista 34enne, che era stato precedentemente revocato quando è atterrato all’aeroporto di Melbourne il 5 gennaio.

L’espulsione dall’Australia impedirebbe a Djokovic di tornare per tre anni, anche se la sanzione potrebbe essere alzata a seconda delle circostanze.

Il tennista ha ammesso che il suo permesso di viaggio non era corretto, poiché non aveva riferito di essere stato in diversi paesi nelle due settimane precedenti al suo arrivo in Australia.

READ  Jonathan Taylor può vincere il premio come miglior giocatore?

Ma non è per questo che Hook ha deciso che la sua espulsione dal Paese era nell’interesse pubblico: gli atti del tribunale depositati sabato dal team legale serbo hanno rivelato che il ministro aveva affermato che “alcuni vedono Djokovic come un mantra per la comunità anti-vaccino .”

L’Australia ha uno dei più alti tassi di vaccinazione contro il coronavirus al mondo, con l’89% di quelli di età superiore ai 16 anni vaccinati.

Ma Hook ha affermato che la presenza di Djokovic nel paese potrebbe rappresentare un rischio per la salute e il “buon ordine” della popolazione australiana e “potrebbe ritorcersi contro gli sforzi di vaccinazione di altri in Australia”.

Il ministero della Salute ha indicato che Djokovic aveva un rischio “basso” di trasmettere la malattia e un rischio “molto basso” di farlo nel torneo.

Il ministro ha citato dichiarazioni rilasciate da Djokovic nell’aprile 2020, prima dell’emergere di un vaccino contro il Covid-19, in cui affermava di “opporsi alla vaccinazione”.

Djokovic “ha precedentemente dichiarato di non volere che nessuno lo costringa a vaccinare” per poter competere.

Nelle sue ragioni, il ministro ha scritto che le prove “dimostrano che ha espresso pubblicamente sentimenti anti-vaccino”.

Gli avvocati del tennista hanno affermato che il ministro non ha menzionato le prove che la presenza dei serbi nel Paese potrebbe “rafforzare il sentimento anti-vaccino”.

Centinaia di attivisti hanno organizzato una manifestazione pacifica fuori dal complesso del Melbourne Park che ospita gli Australian Open, un altro in programma lunedì.

“Siamo alla Rod Laver Arena per supportare Novak. Ha vinto nove titoli qui (gli Australian Open). Si spera che questo sia il decimo, se esce dalla quarantena e riavrà il visto”, ha detto Harrison McClain, uno dei organizzatori. Noi) siamo qui per sensibilizzare e sostenere la libertà di scelta per tutti”.

READ  Sergio Busquets e Jordi Alba hanno tagliato gli stipendi per aiutare Barra