venerdì, Giugno 21, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Dopo che il Portogallo ha sconfitto la Spagna, è stata la volta della Grecia contro l’Italia

Portogallo, Italia, Grecia e Spagna (soprannominati PIGS) hanno vissuto una crisi simile tra il 2007 e il 2013, in cui il mercato ha messo seriamente in dubbio la sostenibilità del debito sovrano di queste economie. Alcuni media anglosassoni hanno approfittato di questo momento di debolezza per soprannominare questi paesi PIGS: l’unione inglese delle abbreviazioni di questi paesi porta al sostantivo pigs. Questi “maiali” hanno molte cose in comune, ma negli ultimi anni una di queste somiglianze ha cominciato a persistere: il debito pubblico. Mentre Spagna e Italia sembrano un po’ bloccate nel ridurre il loro debito, Portogallo e Grecia, un tempo la “coda di maiale”, hanno fatto i loro compiti e hanno dimostrato che è possibile pareggiare i conti e ripagare il debito. Per piegare.

Se qualche trimestre fa il Portogallo era riuscito a ridurre il proprio debito pubblico al di sotto di quello della Spagna (nonostante la buona situazione economica di cui gode l’economia spagnola), ora la Grecia farà lo stesso con l’Italia, e questo solo tra quattro anni. Prima sembrava del tutto incredibile. Quattro anni fa, La Grecia aveva 63 punti percentuali in più di debito (rispetto al PIL) rispetto all’Italia, un vero oltraggio. Ora, gli esperti del Fondo Monetario Internazionale (FMI) e di Scope Ratings prevedono che il debito pubblico della Grecia scenderà al di sotto di quello dell’Italia ad un certo punto nei prossimi tre anni.

Tra tre anni l’Italia avrà il debito più grande d’Europa, gli analisti di SCOPE chiedono che venga messo in atto un piano per rimettere in ordine le finanze pubbliche del Paese. Secondo un rapporto pubblicato venerdì scorso, in quel periodo il rapporto debito/PIL del paese sarà più alto di quello della Grecia. Questo è più veloce delle previsioni del FMI, che prevede risultati per il 2028. Questa prospettiva aggiunge pressione alla coalizione del primo ministro Georgia Meloni affinché compia i passi giusti. Lo scorso anno il rapporto debito/Pil è sceso significativamente al 137,3% del Pil, ma questa tendenza si sta ora invertendo, un percorso riconosciuto nelle previsioni ufficiali.

“Dati i problemi posti dagli alti costi degli interessi, dagli eccessivi incentivi fiscali passati e dai ritardi nella spesa nel programma di ripresa per stimolare la crescita, il governo italiano deve progettare e attuare un credibile piano di risanamento fiscale a medio termine per stabilizzare il debito pubblico”, scrive Scope. scrive l’analista. Eiko Sievert.

READ  Il Regno Unito, il Giappone e l'Italia concordano di perseguire il loro futuro aereo da caccia GCAP tra i dubbi sull'FCAS.

Il riferimento agli eccessivi benefici fiscali passa inevitabilmente attraverso il popolare Superbonus (che si può tradurre come Super Bonus), misura di sgravio fiscale in vigore da luglio 2020.Il 110% delle spese sono deducibili Intraprendere specifici interventi edilizi mirati all’efficienza energetica.

La valanga di italiani che approfittano di questa grazia fiscale ha contribuito a mostrare dati brillanti sul Pil dopo il Covid, ma allo stesso tempo ha creato un buco nel bilancio di quasi 110 miliardi (che non è ancora stato colmato). Maloney ha portato il governo a tagliare gradualmente. La prova della dimensione di questo buco sono i dati ufficiali che lo dimostrano Il deficit di bilancio nel 2023 è pari al 7,2% del PIL, superiore alla previsione del governo del 5,3%. Si tratta di più del doppio della media della regione europea, un numero preoccupante per un paese con questo livello di debito/Pil.

Il debito pubblico italiano sta crescendo

“Poiché queste attività sono aumentate in modo significativo negli ultimi tre anni, il debito pubblico italiano sarà incrementato nei prossimi anni dagli incentivi fiscali per il settore delle costruzioni. Questi incentivi potrebbero ammontare a circa 200 miliardi “Gli euro hanno già peggiorato i deficit fiscali grazie agli sgravi fiscali negli ultimi tre anni, ma nei prossimi anni conteranno solo come ulteriore debito pubblico”, spiega in una nota ai clienti Nicola Noble, economista di Oxford.

Tali incentivi, che hanno preso la forma di agevolazioni fiscali, ha continuato Noble, portando a maggiori esigenze di finanziamento quando richiesto. Secondo i suoi calcoli, Si tratterà del 2% del Pil annuo nel periodo 2024-2026Ciò implica che il debito pubblico in percentuale del PIL continuerà ad aumentare nonostante una crescita nominale positiva e una riduzione del deficit fiscale.

Scope calcola 135 miliardi di euro di risparmi accumulati nei prossimi cinque anni per il suo bilancio primario, una misura che confronta il reddito prima dei costi per interessi con le spese. Questo calcolo presuppone una crescita media annua dell’1% e un’inflazione del 2%. “È essenziale aumentare l’efficienza e la qualità della spesa pubblica, rafforzare la sostenibilità del sistema pensionistico e migliorare il rispetto degli obblighi fiscali”, conclude Sievert.

READ  Oscar 2023: Da un viaggio in Italia a una tenuta in Australia e la liposcultura, i sontuosi regali ricevuti dai candidati

La nuova stabilità dell’Italia

Gli investitori hanno concesso alla Meloni il beneficio del dubbio poiché lo spread dei bond italiani rispetto ai loro equivalenti tedeschi – un indicatore chiave di rischio nella regione – è sceso al livello più basso degli ultimi due anni all’inizio del 2024. La settimana scorsa, all’ex ministro delle finanze italiano Pier Carlo Padoan è stato chiesto di spiegare le fosche prospettive per i mercati. In un dibattito organizzato dall’American Enterprise Institute, ha ipotizzato che si tratti soprattutto di politica: “Bisogna riconoscere una cosa: l’attuale governo, che È un governo di centrodestra molto solido. “La stabilità politica è qualcosa di cui l’Italia non ha sempre goduto.”

Ma questo da solo non è sufficiente. Nello stesso evento, Charles Dallara, ex direttore della International Finance Corporation e principale negoziatore della crisi di sovranità della regione, ha affermato che queste condizioni di mercato non possono durare per sempre. “Penso che sia molto sconsiderato da parte dei paesi pensare di poter gestire deficit fiscali significativi e accumulare un debito significativo rispetto al Pil senza conseguenze”, ha affermato.

Le prospettive non sono incoraggianti, lamenta l’economista di Commerzbank Marco Wagner: “A differenza degli anni precedenti, un’inflazione particolarmente forte ha mantenuto il rapporto debito/PIL sostanzialmente stabile nonostante gli elevati deficit correnti, senza i quali il rapporto debito/PIL sarebbe aumentato in modo significativo. Mentre i tassi di interesse salgono e scendono, guidando una sostanziale riduzione del deficit di bilancio, l’interesse medio sul debito è ancora una volta superiore al tasso di crescita nominale a causa della crescita nominale, in particolare della bassa inflazione.

“I mercati finanziari sono calmi perché l’economia è molto resiliente e la performance post-epidemia dell’Italia è leggermente migliore della media dell’Eurozona. Ma, a nostro avviso, esiste il rischio evidente che le istituzioni finanziarie dei mercati non abbiano ancora compreso il lato negativo. Queste misure avranno un impatto sulla futura dinamica del debito”, ha detto Noble

Il ‘miracolo’ del Portogallo

Un caso eclatante, riconosciuto da molti economisti, è una situazione molto diversa dal suddetto Portogallo. Entro la metà del 2023, il debito pubblico portoghese era sceso al di sotto di quello della Spagna. Da allora, il divario non ha smesso di crescere. Il debito pubblico del Portogallo è già inferiore al 100% del PIL, mentre il debito della Spagna è ancora al 109% del PIL. Queste differenze hanno principalmente riportato la spesa pubblica del Portogallo ai livelli pre-Covid, mentre in Spagna rimane più alta di sei punti percentuali del PIL. Il risultato è quello Il Portogallo gode di un surplus generale (il settore pubblico risparmia), il deficit pubblico in Spagna è ancora al 3,7% (il settore pubblico si indebita).

READ  Cultura che spazia dalla febbre manga in Francia a Pikarsk, un bonus culturale in Italia

Oggi il Portogallo è uno dei pochi maiali ad avere un surplus di bilancio; È l’unica economia con un debito pubblico inferiore al 100% del Pil; E, infine, il suo credito è valutato con il grado di investimento “A” (uno dei rating più alti) da tutte le agenzie di rating.

Poco più di tre anni fa, Il debito pubblico portoghese era vicino al 140% del PIL. Oggi questo rapporto è inferiore al 100%. I dati parlano da soli. Nel 2011, la differenza del debito pubblico con la Spagna, ad esempio, era di 50 punti di Pil a favore della Spagna, mentre oggi la differenza è a favore del Portogallo, che ha un debito di 10 punti in meno del Pil. In Portogallo il debito è inferiore al 100% del Pil, mentre in Spagna supera il 109%. Un pedigree che continua la sua marcia. Secondo le proiezioni del Fondo Monetario Internazionale (FMI), il debito pubblico del Portogallo scenderà al 76% del PIL entro la fine del decennio, mentre il debito della Spagna supererà il 100% e la traiettoria ascendente dell’Italia continuerà.

Inoltre, l’economia portoghese sta registrando una forte crescita e un tasso di disoccupazione inferiore rispetto ad altri paesi dell’Europa meridionale. Nel 2023 il Pil è cresciuto del 6,8% nel 2022, la crescita più elevata dal 1987. D’altra parte, il tasso di disoccupazione è molto più basso di quello di Grecia, Spagna e persino Italia.




Aldobrandino Golino
Aldobrandino Golino
"Studente di social media. Appassionato di viaggi. Fanatico del cibo. Giocatore pluripremiato. Studente freelance. Introverso professionista."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles