Maggio 16, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Due civili uccisi in un attacco israeliano vicino a Damasco

Il ministero della Difesa siriano ha affermato che lunedì Israele ha lanciato diversi missili contro siti militari siriani vicino alla capitale Damasco, uccidendo civili e danneggiando proprietà. È stato il primo attacco israeliano in Siria da quando la Russia, un alleato chiave del presidente Bashar al-Assad, ha invaso l’Ucraina.

Il ministero ha affermato che gli aerei israeliani, che volavano nei cieli del Libano, hanno lanciato missili contro la Siria. Le autorità siriane hanno aggiunto che la maggior parte dei missili sono stati abbattuti dalle difese antiaeree siriane.

Non sono stati forniti ulteriori dettagli e non è stata fornita alcuna indicazione su come siano stati uccisi i civili.

Israele non ha commentato l’attacco e di solito non riconosce tali operazioni. Ma ha effettuato centinaia di attacchi contro obiettivi nelle aree controllate dal governo della Siria durante la guerra civile dell’ultimo decennio.

Israele fa affidamento sulla Russia per il coordinamento della sicurezza in Siria, dove la Russia ha una forte presenza militare. Questo costringe il primo ministro israeliano a cercare un compromesso tra Russia e Ucraina. Il primo ministro israeliano Naftali Bennett ha anche assunto il ruolo di improbabile mediatore tra Russia e Ucraina.

L’attacco di lunedì è stato il primo da quando la Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio, scatenando la guerra in corso. Lo stesso giorno, tre soldati siriani sono stati uccisi in un attacco israeliano vicino a Damasco.

Israele sostiene che i suoi attacchi in Siria sono diretti contro le milizie alleate con l’Iran, come gli Hezbollah libanesi, che stanno combattendo a fianco del presidente siriano.