Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Due cubani tra gli oltre 300 migranti salvati in una roulotte abbandonata sull’autostrada federale del Messico

un gruppo di Immigrati cubani 300 persone sono state salvate tra quelle abbandonate su un’autostrada federale nel nord MessicoSecondo le autorità per l’immigrazione.

L’Istituto nazionale per la migrazione di Reynosa, nello stato di Tamaulipas, ha riferito domenica nel suo profilo Facebook 300 migranti sono stati abbandonati nel camion sull’autostrada federale Reynosa-Monterrey.

Hanno anche affermato che la Croce Rossa messicana ha confermato che gli immigrati illegali, compresi bambini, provenienti da Guatemala, Ecuador, Honduras, Cuba, Nicaragua e Cile stavano viaggiando in quell’unità.

cattura facebook/Istituto Nazionale di Migrazione Reynosa

“Tutti hanno indicato che la loro destinazione finale era raggiungere il confine con gli Stati Uniti”, afferma il post.

Hanno anche notato che tutte queste persone sono state trasferite presso le strutture dell’Istituto nazionale per le migrazioni (INM) “per le procedure di colloquio e la verifica della residenza regolare nel territorio messicano”.

Anche questa domenica si è scoperto La polizia messicana ha arrestato cinque cubani a mezzanotte di sabato scorso, mentre si nascondevano in un magazzino nel comune di Jilutepec.Stato del Messico, in attesa di continuare la rotta migratoria verso il nord di quel paese.

cattura facebook/Istituto Nazionale di Migrazione Reynosa

I cubani appartenevano a un gruppo di 225 immigrati, di cui 194 guatemaltechi, 14 honduregni, nove nicaraguensi e tre salvadoregni, Secondo la dichiarazione dell’Istituto nazionale di statistica.

All’interno del gruppo, che aspettava di essere trasportato dai cosiddetti “Polleros”, c’erano minori e adulti con zaini e coperte che si tenevano stipati insieme.

Nella proprietà dove sono stati trovati gli immigrati sono stati arrestati due messicani e messi a disposizione del procuratore generale dello Stato del Messico, e sono state sequestrate anche tre unità di trasporto.

READ  L'Organizzazione Mondiale della Sanità riconosce la disuguaglianza nella salute e nei vaccini come il più grande errore del 2021

La nota dell’Istituto nazionale per le migrazioni aggiunge che il gruppo di immigrati è stato inviato alle autorità per l’immigrazione di quel paese per continuare il processo legale, dove riceveranno attenzione e assistenza umanitaria.

Questo venerdì, Messico Rimpatria 49 cubani che si trovavano in una situazione irregolare nel Paese azteco, con il quale il numero dei deportati nell’isola dall’inizio del 2022 è salito a 1.459.

La scorsa settimana, la polizia civile dello stato messicano di Coahuila è stata arrestata 19 immigrati cubani Stavano viaggiando su un camioncino diretto al confine con gli Stati Uniti.

Nonostante gli arresti e le deportazioni, dallo scorso ottobre 157.339 cubani hanno potuto entrare negli Stati Uniti via terra, compreso il confine con il Canada.

Questa cifra è il più grande esodo di cubani negli ultimi 60 anni, dopo l’escalation della crisi politica, sociale ed economica dell’isola.

Abbiamo bisogno del tuo aiuto:

Come te, migliaia di cubani Leggono e supportano il giornalismo indipendente di CiberCuba. La nostra indipendenza editoriale inizia con la nostra indipendenza economica: nessuna organizzazione di nessun paese finanzia CyberCuba. Creiamo la nostra agenda, pubblichiamo le nostre opinioni e diamo voce a tutti i cubani senza influenze esterne.

Il nostro giornale fino ad oggi è stato finanziato solo dalla pubblicità e dal denaro privato, ma questo limita quello che possiamo fare. Per questo chiediamo il tuo aiuto. Il tuo contributo finanziario ci consentirà di fare più giornalismo investigativo e di aumentare il numero di collaboratori che riferiscono di Al Jazeera, pur mantenendo la nostra indipendenza editoriale. Qualsiasi contributo, grande o piccolo che sia, sarà di grande valore per il nostro futuro. A partire da soli $ 5 e in solo un minuto del tuo tempo, puoi collaborare con CiberCuba. Grazie.

READ  Il Centro Regionale CREI si congratula con Prensa Latina per il suo anniversario

Contribuisci ora