Ottobre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Due giovani che promuovono uno spazio per esporre mosaici idraulici recuperati dai rifiuti

Forme geometriche, motivi floreali, disegni di draghi, quadrati o esagonali… Migliaia di moderne piastrelle idrauliche di Barcellona condannate a essere distrutte in una discarica avranno una seconda vita. Joel Canovas ed Enrique Ribordosa, due appassionati di questo tipo di pavimentazione, recuperano da anni questi pezzi, spesso da sacchi di macerie. Ora hanno unito le forze per costruire una casa per un’eredità molto tipica di Barcellona.

Un edificio unico nel Poble Sec dell’architetto Salvador Puiggrós sarà trasformato in un tempio di mattoni. Si tratta di un edificio che ospitava una vecchia fabbrica di sifoni dei primi del 900 ed era sede di un teatro alternativo.

Il Centro per il futuro vuole essere un pioniere nella capitale catalana

L’edificio, che ha una superficie di circa 500 mq, presenta tre porte che suddividono gli usi dei diversi spazi. Uno degli ingressi sarà alla sala espositiva, l’altro corrisponderà all’uscita dove sarà allestito un apposito negozio di piastrelle, e infine ci sarà un altro ingresso al magazzino. “Vogliamo creare uno spazio molto vivace, con un bar, con sale polivalenti e laboratori di fabbricazione e restauro. Installeremo anche una pressa idraulica proveniente da una vecchia fabbrica di proprietà di una famiglia di Molerosa”, spiega Canovas, noto come Cacciatore di piastrelle Attraverso il tuo account Instagram Cacciatore di piastrelle.

La collezione è composta da circa 3.500 modelli e circa 50.000 piastrelle, di cui circa 15.000 rimangono nella nuova sede. Difficile fare un passo senza quasi calpestare uno dei secolari mosaici idraulici. “Una delle mie scoperte più recenti è stata un modello del 1900 di Josep Pasco, professore di pittura a Joan Miró, con un design simile a un pappagallo. Questa specie è molto difficile da trovare, poiché è di 15 x 15 cm e la dimensione standard è solitamente 20 x 20 cm”, sottolinea Canovas.

READ  Affinity lavorerà su un'esclusiva Xbox simile a Monster Hunter

Il Centro per il futuro vuole essere un pioniere nella capitale catalana. “Non conosco un progetto di questa portata a Barcellona. Ad esempio, conosco il National Tile Museum di Lisbona o il Jackfiel Tile Museum nel Regno Unito”, aggiunge.

Canovas, un giovane di Andorra, da anni colleziona pezzi e pubblica le sue scoperte sui social network. Gira per la città con lo zaino in bici e quando vede una ristrutturazione o un sacco di macerie, non esita a dare un’occhiata. Nel tempo e dopo che si è saputo, ha ricevuto segnalazioni da lavoratori e altri contatti nel mondo delle costruzioni, oltre a donazioni.

Sebbene molte piastrelle provengano dall’Eixample, ci sono anche da Ciutat Vella e Poble Sec, e da altre città catalane come Sabadell, Terrassa, Badalona, ​​​​Reus o Lleida. In termini di design, ce ne sono alcuni più ripetitivi di altri. Il blu era il più raro perché era così costoso. La combinazione classica è un mix di fiori al centro e una forma geometrica intorno nei toni del crema, del rosso e del verde”, spiega questo instancabile collezionista di mosaici idraulici.

In questo viaggio ha trovato Canovas come il versatile partner di Rebordosa, fondatore della casa editrice Flâneur e fondatore di diversi bar modernisti come Muy Buenas o La Confitería. Sono entrati nell’edificio ad agosto e l’idea è che la prima galleria venga aperta la prossima primavera. Dietro questo progetto unico, ci sarà una massiccia ricerca e catalogazione dei pezzi. “Non è un business. È fatto per amore delle piastrelle. Il nostro obiettivo è avere uno spazio per mostrare e preservare questa bellezza”, conclude Ribordosa.

READ  App per impedire ai criminali informatici di accedere ai tuoi account | tecnologia