Gennaio 28, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dumfries prende l’amore di Van Gaal e di tutta l’Olanda

Ryan, Qatar (AP) – Louis van Gaal si sporse alla sua sinistra, appoggiò il braccio attorno a Denzel Dumfries e gli posò un bacio sulla guancia destra.

La verità è che Dumfries meritava tutto l’amore e anche di più dal suo allenatore dopo essere stato l’artefice della qualificazione dell’Olanda ai quarti di finale della Coppa del Mondo, dove ha contribuito con un gol e due assist nella vittoria per 3-1 sugli Stati Uniti di sabato. .

“Ieri o l’altro l’ho già baciato”, ha detto Van Gaal nella conferenza stampa post partita. “Gli darò un bacio perché tutti lo vedano.”

È andato e l’ha fatto.

“Ecco fatto”, ha detto Van Gaal, esprimendo il suo apprezzamento al difensore dell’Inter.

Dumfries era contro gli americani. L’Olanda ha esteso la sua striscia di imbattibilità a 19 partite. Cercheranno di estendere il loro record di imbattibilità quando affronteranno l’Argentina di Lionel Messi venerdì.

La squadra nazionale olandese sopporta il pesante fardello di essere una nazione calcistica d’élite che non ha mai vinto una Coppa del Mondo. Sono arrivati ​​secondi tre volte – 1974, 1978 e 2010 – e sono arrivati ​​terzi nel 2014 dopo aver perso contro l’Argentina ai rigori in semifinale.

Hanno perso l’evento del 2018 in Russia, il che li motiva sicuramente molto di più quando gareggiano in Qatar.

Dumfries ha segnato il terzo gol di Orangi all’81 ‘con un tiro diretto dopo che il subentrato Haji Wright ha segnato al 76’ per dare agli americani un breve momento della partita.

Ha anche fornito assist per gli altri due gol al Khalifa International Stadium, descritti da Memphis Depay – dopo 10 minuti – e Daley Blind – negli sconti del primo tempo.

READ  Gary ed Echevery vincono e si incontrano nei quarti di finale

“È stato un grande gioco e sono felice di essere una parte così importante della squadra”, ha detto Dumfries, che prende il nome dall’attore americano Denzel Washington.

“Sono orgoglioso di portare il suo nome”, ha detto. “Denzel Washington ha una personalità molto mista, qualcuno che dice quello che pensa e lo guardo come un modello”.

Dumfries ha detto che gli Orange hanno giocato “più concentrati” dopo tre partite poco brillanti del primo turno: un pareggio per 1-1 con l’Ecuador e vittorie per 2-0 su Senegal ed Ecuador.

“Sapevamo di poter giocare meglio di quanto mostrato nelle prime tre partite”.

Gli Stati Uniti hanno dominato la palla e segnato più tiri in porta – 16 a 12. Ma gli olandesi hanno tenuto facilmente la partita.

“In Olanda siamo abituati ad avere la palla, avere la palla”, ha detto Dumfries. “È un altro stile. Capisco le critiche in Olanda perché riusciamo a distribuire meglio la palla”.