Maggio 21, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Durango Square dovrebbe diventare uno spazio aperto e multiuso

Piazza Pasiretaras ha ospitato molti laboratori, come i dolci mostrati nella foto.. / YR:

Il consiglio comunale intende avere il progetto di riforma entro la fine dell’anno e l’inizio dei lavori il prossimo anno con un budget di circa 5 milioni di euro

Durango Food Market Square sta iniziando a prendere forma come uno spazio aperto e ad uso misto. Il progetto sarà pronto entro la fine dell’anno e i lavori inizieranno nel 2023. Al momento si sta formulando il progetto iniziale sulla base dell’analisi precedente, che ha messo sul tavolo la visione attuale e le proiezioni future di tre gruppi di consumatori – giovani, vecchi e vecchi. Tutti concordano sulla necessità di trasformare questo edificio storico in un centro di consumo alimentare che consenta un uso più frequente degli spazi pubblici attraverso eventi e attività che favoriscano un vivere sano e sostenibile. La riparazione, a priori, che tiene conto delle esperienze in diversi esempi funzionali di mercati, sarà di circa 5 milioni di euro.

Rivitalizzare il mercato e farne uno standard per i prodotti locali e la gastronomia è un obiettivo che è diventato uno degli assi del legislatore sia per l’esecutivo che per l’opposizione. Tutti cercano di apprezzare il valore di questo edificio iconico, uno dei più antichi della città e risalente all’era del Primo de Rivera. Tuttavia, la verità è che non è abbastanza utilizzato. Nel mercato alimentare, dei 19 stand gastronomici, ne sono occupati solo sei, mentre il mercato di Baserritarras, che apre il sabato mattina, conta più di venti prodotti.

Il design presentato incoraggia un gran numero di interazioni ed esperienze in modo che diversi segmenti di cittadini possano soddisfare i bisogni, i desideri e le aspettative all’interno del mercato Durango. Dalle attività per bambini in modo che gli adulti possano fare acquisti in tutta tranquillità mentre i loro figli o nipoti giocano, al miglioramento degli orari di acquisto per le famiglie che lavorano insieme. Cercano di cambiare la percezione dei consumatori, come ammette il 32enne Andrea, che ha una figlia piccola, “non comprare mai” al mercato di Pasiretaras perché “c’è poca offerta e nessun prezzo”. Difficilmente entra in un negozio di alimentari perché il modo di fare la spesa è molto diverso da quello a cui è abituata e non ha molte opzioni per acquistare prodotti che le facciano risparmiare tempo. Inoltre, non gli piace, “È troppo vecchio”. Questa sensazione di abbandono e abbandono è comune a tutti e tre i gruppi, e in un certo senso li ritarda quando si tratta di entrare e acquistare prodotti. La verità è che le strutture sono rimaste intatte per 25 anni.

READ  Il Consiglio Regionale inizia i lavori del primo pittoresco spazio di Benhadox

Iñigo Kortabitarte preparerà un menu dal vivo domani

Sebbene l’acquisto in due annessi sia comune tra le persone anziane, come Begoña, 71 anni, che scommette ancora sull’acquisto da produttori locali perché lo ha sempre fatto e scommette sulla “fiducia” che le danno, coppie di mezza età, come Edurne E Mikel, 37 e 39 anni, genitori di due bambini, combinano il commercio locale con gli acquisti in altri negozi e su Internet.

Aree gioco e sosta

Piazza Pasiritaras ha ospitato molti laboratori, come il laboratorio dei dolci mostrato nella foto. Tra gli obiettivi che determineranno la progettazione delle strutture c’è l’organizzazione degli spazi e le modalità di acquisto per renderle “facili e accessibili a tutte le classi”. Dimostrare un mercato rotativo in cui è garantito un acquisto ripetuto. Come per i chioschi Baserritarras, si punta anche a farne il principale riferimento per l’acquisto di prodotti agricoli della regione.

Tuttavia, il cambiamento più significativo verrà dal fornire alle strutture uno spazio pubblico adeguato che attiri i cittadini verso uno “spazio pubblico semiaperto che si adatta alle attività che offre e alle esigenze degli utenti”. Uno spazio che non ha barriere architettoniche o aree pericolanti, comprese aree gioco e riposo o servizi igienici e che permette di creare una “sinergia” con il mercato.