Ottobre 19, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

E se tutti i serpenti scomparissero con i dinosauri?

Le persone con afidofobia risponderanno sicuramente che andrebbe bene, vorrei che fossero scomparse dalla faccia della terra, almeno 66 milioni di anni fa, tutte le specie senza gambe dell’ordine Squamata (serpenti o pitoni).

Con tutto il rispetto per le persone che temono o semplicemente provano pietà per questa sottospecie di rettili (di cui esistono attualmente circa 3.700 specie), la loro estinzione sarebbe stata una grande perdita per la ricchezza naturale del nostro pianeta.

Boa di smeraldo (“Corallus batesii”).

Zoo di Filadelfia / WP – CC 3.0

Tuttavia, la sopravvivenza dei serpenti non è stata facile nella storia della Terra. Secondo uno studio pubblicato questa settimana sulla rivista, Comunicazioni sulla natura Tutti i serpenti sulla Terra oggi provengono da (si sono evoluti da) un gruppo molto piccolo di specie di questo tipo di rettile che sono sopravvissute Estinzioni di massa del Cretaceo e del Paleogene (K-Pg), l’episodio in cui dinosauri, pterosauri e mosasauri non aviari persero la vita per sempre (circa 66 milioni di anni fa).

Se questa Grande Estinzione sia stato l’unico ed esclusivo prodotto della caduta del meteorite di Chicxulub è ancora un dibattito aperto, che abbiamo osservato in altre occasioni.

Gli autori del nuovo studio, la maggior parte dei quali membri del Milner Center for Evolution, del Dipartimento di Biologia e Biochimica dell’Università di Bath (Regno Unito), ricordano che finora “la storia evolutiva dei serpenti del K-Pg l’estinzione è stato particolarmente difficile da valutare”, principalmente a causa della mancanza di resti fossili.

Una rassegna dei dati genetici e delle analisi delle specie oggi esistenti indica che tutte provengono da una rapida diversificazione, dalle poche specie sopravvissute, subito dopo la grande estinzione.

Ciò significa che se altri gruppi di serpenti si estinguessero insieme ai dinosauri non aviari, allora forse non ci sarebbero rettili senza gambe sulla Terra. Tuttavia, una grande perdita.

Il nuovo studio suggerisce che la capacità dei serpenti di rifugiarsi sottoterra e sopravvivere per lunghi periodi senza cibo potrebbe averli aiutati a sopravvivere a quella che è anche conosciuta come la quinta grande estinzione di specie della Terra.

.

.

WP / CC 3.0

I serpenti sopravvissuti, come altre specie che non sono scomparse nell’evento catastrofico, non solo sono scampati alla morte, ma ben presto hanno potuto sfruttare ambienti pressoché disabitati.

Gli autori del nuovo studio affermano che la diversità dei serpenti moderni, inclusi serpenti degli alberi, serpenti marini, vipere velenose, cobra e anguille gigantesche come boa e pitoni, è emersa solo dopo l’estinzione dei dinosauri. Nota emessa dall’Università di Bath.

cambiamenti nella struttura

I fossili mostrano anche un cambiamento nella forma delle vertebre di serpente a seguito dell’estinzione delle razze cretacee e dell’emergere di nuovi gruppi, tra cui serpenti marini giganti lunghi fino a 10 metri.

“È notevole, perché non solo sopravvivono a un’estinzione uccidendo molti altri animali, ma nel giro di pochi milioni di anni stanno innovando, usando i loro habitat in modi nuovi”, ha affermato la prima autrice dello studio, Catherine Klein. Attualmente collegato alla Friedrich-Alexander-Universität Erlangen, Norimberga (Germania).

Lo studio indica anche che i serpenti hanno iniziato a diffondersi in tutto il mondo in questo periodo. Sebbene gli antenati dei serpenti viventi possano aver vissuto da qualche parte nell’emisfero australe, sembra che i serpenti si siano diffusi per la prima volta in Asia dopo l’estinzione.

Leggi anche

Il professor Nick Longrich del Milner Center for Evolution dell’Università di Bath, coautore dello studio, ha dichiarato al contrario: “La nostra ricerca suggerisce che l’estinzione sia stata una forma di ‘distruzione creativa’: eliminando le specie antiche, ha permesso ai sopravvissuti di sfruttare lacune nel sistema ambiente ecologico e sperimentare nuovi stili di vita e habitat.

“Questa sembra essere una caratteristica generale dell’evoluzione: sono i periodi immediatamente successivi alle grandi estinzioni che vediamo l’evoluzione nella sua forma più sperimentale e innovativa.

“La distruzione della biodiversità lascia spazio a nuove cose per emergere e colonizzare nuove masse di terra. Alla fine, la vita diventa più diversificata di prima”.

Le zanne a solenoide della vipera del Gabon (Bitis gabonica), la più grande tra tutti i serpenti.

Le zanne a solenoide della vipera del Gabon (Bitis gabonica), la più grande tra tutti i serpenti.

Zoo di Chester / WP – CC 3.0.0

Lo studio ha anche trovato prove di un secondo grande evento di diversificazione quando il mondo è passato da una calda serra a un clima freddo, che ha visto la formazione di calotte polari e l’inizio dell’era glaciale.

I modelli osservati nei serpenti suggeriscono un ruolo chiave per i disastri – disturbi ambientali gravi, rapidi e globali – nel guidare il cambiamento evolutivo.

E se tutti i serpenti scomparissero con i dinosauri?
video


READ  Apple sta già lavorando a un nuovo Mac Mini più potente | Dottor Techno | rivista