mercoledì, Giugno 19, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

È un medico, ha vinto medaglie paralimpiche e treni per i viaggi spaziali: la vita di John McFaul, il primo astronauta disabile

A poco a poco, la nostra società si sta rendendo conto che le persone con disabilità possono, con il supporto necessario, fare quasi tutto. Dalla pratica dello sport ai massimi livelli alla laurea. Dalle aziende leader alle eccellenze del cinema o della moda. Oppure viaggiare e avere una vita sessuale attiva. E perché no, anche le persone con disabilità possono viaggiare nello spazio. Questo è ciò che vuole dimostrare John McFaul, a cui è stata amputata una gamba ed è il primo astronauta con una disabilità fisica.

McFall, 43 anni, sta attualmente studiando uno studio condotto dall’Agenzia spaziale europea (ESA) chiamato “Fly!”, che cerca di superare le barriere incontrate dalle persone con disabilità che vogliono partecipare alle missioni spaziali. McFaul è stato selezionato nel novembre 2016 insieme ad altre 16 persone normodotate come candidati per le future missioni dell’agenzia. Da allora, ha collaborato con progettisti e ingegneri per adattare le infrastrutture necessarie per i viaggi spaziali.

Ma prima di aspirare a diventare un astronauta, McFall, originario del Regno Unito, è diventato famoso come professionista e atleta. All’età di diciannove anni perse la gamba destra in un incidente in moto. Ma ciò non gli ha impedito di studiare all’università e di laurearsi in medicina e chirurgia nel 2014. Due anni dopo è diventato membro del Royal College of Surgeons nel Regno Unito. National Geographic.

Da allora ha ricevuto numerosi riconoscimenti per i suoi studi di anatomia dalle scuole di medicina britanniche. Per partecipare allo studio dell’ESA, McFaul ha sospeso la sua carriera di medico e si è trasferito con la moglie e i tre figli dal Regno Unito a Colonia, in Germania.

READ  Gli sciatori di Polotitlán si divertono a trasformare un'area danneggiata in un'auto sportiva

Per McFaul la disabilità non rappresentava un ostacolo nemmeno quando si trattava di praticare sport. E fallo con successo come corridore. Si dedicò all’atletica e rappresentò il suo paese in varie competizioni. Tra questi spiccano le Paralimpiadi di Pechino 2008, competizione nella quale vinse la medaglia di bronzo nei 100 metri. Inoltre, è stato campione del mondo paralimpico nei 200 metri e secondo classificato nei 100 metri nel 2007, il che evidenzia Sito web dell’Agenzia spaziale europea.

nei giorni scorsi BBC Ha registrato attentamente in cosa consistevano gli esercizi che ha eseguito come parte dello studio Fly! Ad esempio, deve essere messo in una centrifuga che simula le intense forze gravitazionali generate dal lancio e dall’atterraggio di un razzo, per osservare gli effetti che hanno sulla sua gamba amputata.

Ha aggiunto: “L’astronauta giace sulla schiena in posizione seduta, e questo influenza il flusso sanguigno, così come nella gamba. Eravamo curiosi di sapere come questo avrebbe influenzato lui, ma tutto è andato bene.” A BBC Dopo uno dei test condotti dal chirurgo di volo dell’ESA Maybrett Kuipers. Ci sono ancora molti test da fare. Ma McFaul già sogna non solo lo spazio, ma anche ciò che il suo viaggio da astronauta potrebbe generare in termini di inclusione: “Mi piace pensare che amplierà gli orizzonti e la conoscenza di ciò che la gente pensa di qualcuno con una disabilità fisica”. Egli ha detto.

Maggiori informazioni sull’inclusione delle persone con disabilità

Desideria Zullo
Desideria Zullo
"Educatore generale della birra. Pioniere del caffè per tutta la vita. Sostenitore certificato di Twitter. Fanatico di Internet. Professionista dei viaggi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles