Maggio 23, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ecco come si muovono per raggiungere la presidenza

Nel primo turno presidenziale del 2018, un totale di 1.9643.695 cittadini hanno votato per eleggere un presidente, il che equivale a una partecipazione del 54,2 per cento del registro elettorale. Al secondo turno lo hanno fatto 19.511.168 cittadini (lo 0,4 per cento in meno rispetto al primo), il che rappresenta la partecipazione del 53,9 per cento dei colombiani aventi diritto al voto.

Nel 2022 saranno 2.592.634 i cittadini in più rispetto al 2018 che potranno votare, e questo indica che oltre 20 milioni di colombiani andranno alle urne il 29 maggio.

Quella che è iniziata questa settimana è stata la più feroce ricerca di voti dei candidati che credevano di poter arrivare al Consiglio di Nariño. La sua sfida è aggiungere e aggiungere. Il motto sembra essere “non c’è tempo da perdere”, poiché mancano solo 71 giorni per ottenere gli elettori che possono vincere.

Quegli otto milioni di cittadini che domenica scorsa non si sono recati alle urne, ma lo faranno il 29 maggio, proverranno dal settore delle macchine e dell’opinione.

Nonostante ci siano ancora sette candidati presidenziali in partita che parteciperanno al primo turno, nei restanti giorni di induzione può succedere di tutto.

E le consultazioni di domenica scorsa hanno determinato il panorama elettorale e ridotto il numero dei candidati. questa settimana, Oscar Ivan Zuluaga (Centro Democratico) E il Luis Gilberto Murillo (Colombia in aumento) Si sono ritirati dalla competizione. Allo stesso modo, la candidatura del tedesco Vargas Lleras, che era stato minacciato, è stata squalificata, sebbene i risultati del voto abbiano chiuso le porte alle sue aspirazioni. Restano in lizza per il primo round Gustavo Petro, Federico Gutierrez, Sergio Fajardo, Ingrid Betancourt, Rodolfo Hernandez, Enrique Gomez e John Milton Rodriguez. La disputa sembra essere centrata tra Petro e Gutierrez, che rappresentano rispettivamente la sinistra e la destra. Sembrano davvero i campioni del secondo turno.

I candidati Gustavo Petro e Federico Gutierrez sembrano più propensi ad andare al secondo turno dopo i voti ottenuti nelle consultazioni. Tuttavia, entrambi devono avere il supporto delle altre parti. – Foto:

Certo, non credeva ancora in niente. Tutti dovrebbero andare a prendere più voti. Il vincitore della presidenza questa volta è colui che ottiene più di 10 milioni di elettori. La storica carta, di Petro, ha ricevuto il maggior numero di voti nelle consultazioni, con poco più di 5,5 milioni, ma doveva comunque trovare più di 4,5 milioni se voleva vincere al primo turno. E lui, che è emerso nei sondaggi come il più probabile a vincere la presidenza, ha ancora quasi il 24 per cento dell’obiettivo nei voti per raggiungere il suo obiettivo.

READ  Il leader di Donetsk chiede una mobilitazione generale tra gli attacchi delle forze militari ucraine

Lo storico candidato alla Carta ha due principali fonti all’orizzonte per ottenere quei voti: una parte dei Verdi al centro di Esperanza e il liberalismo. Altri rinforzi possono arrivare dai settori indipendenti e dai la yu, ma tutto è subordinato alla trattativa che il candidato realizza.

Gutierrez, la cui coalizione (Team Colombia) ha ricevuto 398.7120 voti nei sondaggi domenica scorsa, è molto lontano, ma ha più possibilità da aggiungere. Attende con fiducia gli elettori di Uribismo, Partito conservatore, Cambio radicale, U e Settore cristiano, che, visti i risultati delle elezioni legislative, totalizzano oltre 6 milioni di voti.

Non è stata ancora decisa la direzione presa dal Partito Liberale dopo aver ricevuto uno dei più grandi voti alle elezioni legislative: 2.074.408.

            Segio Fajardo, che ha ricevuto il minor numero di voti dei vincitori nelle consultazioni, così come Ingrid Betancourt e Rodolfo Hernandez, scommettono per passare al secondo turno grazie a un voto di opinione.
Segio Fajardo, che ha ricevuto il minor numero di voti dei vincitori nelle consultazioni, così come Ingrid Betancourt e Rodolfo Hernandez, scommettono per passare al secondo turno grazie a un voto di opinione. – Foto: Guillermo Torres-Semana

Pietro e Gutierrez combattono i liberali ad armi pari. L’ex presidente Cesar Gaviria mantiene una comunicazione aperta con entrambi, ma dovrà prima ascoltare i caucus del Congresso per prendere la decisione.

Poiché i liberali non hanno un loro candidato, hanno già iniziato a disperdere l’offerta più alta, il che non renderà facile la decisione di Gaviria. Alcuni sono già con Petro, altri con Gutierrez. Anche se l’uno o l’altro viene scelto per motivi di disciplina, i membri del Congresso sanno come indirizzare i loro elettori verso il candidato che preferiscono sottobanco. Ci sono già molte emozioni penetranti.

Quindi, alcuni sono i voti che Gaviria dice di poter dare nelle trattative al candidato su cui conta e altri che può davvero appoggiare. Inoltre, l’approvazione dei voti non contiene un’equazione matematica. E, per esempio, pulsante: l’ultimo giorno delle elezioni, il Partito conservatore ha ottenuto 221.528 voti per il Senato, ma il suo candidato nella consultazione interpartitica sul Team Columbia, David Bargill, ha ottenuto a malapena 629.187.

READ  Guerra Ucraina-Russia: oggi last minute, live | Putin avverte la Finlandia e taglia il gas

Il fattore che fa pendere la bilancia è chi offre di più, sia nella partecipazione al governo che nelle sensazionali quote indicative che i governi hanno assegnato ai membri del Congresso per decenni, sotto vari nomi.

La vita dei partiti e dei membri del Congresso dipende da cosa possono ottenere da questo tipo di sostegno. Anche Petro, che si autoproclama il simbolo del cambiamento, del rinnovamento e della lotta alla corruzione, sta cercando di conquistare più voti possibili dalle macchine, perché per vincere non basta un voto di sola opinione.

Pietro ha dovuto confrontarsi con la sua stessa organizzazione, che lo critica per aver messo da parte gli scrupoli in cambio di un voto. È anche disposto a sacrificare Francia Márquez come vicepresidente per vicepresidente per dare quella posizione a qualcuno che lo porta elettori al di fuori del suo progetto politico.

La stessa Márquez si è pubblicamente opposta all’inclusione di Petro Cesar Gaviria nella coalizione e gli ha detto che l’ex presidente rappresentava la “corruzione”. Tuttavia, l’urgenza di vincere fa sperare a Petro che Gaviria lo sosterrà.

Sebbene i cittadini siano liberalizzati più delle strutture per eleggere il presidente della repubblica, i partiti hanno ancora una grande influenza sull’elettorato per prendere questa decisione. Domenica scorsa, 180.34.781 colombiani hanno votato per il Congresso e solo 12,2 milioni lo hanno fatto per consultazioni. Ciò dimostra l’enorme potere dei membri del Congresso e dei partiti quando si tratta di portare i cittadini alle urne.

Questa circostanza spiega proprio il precario terzo posto dello Speranza Center Alliance nelle consultazioni, e le scarse possibilità di riconsegnare al primo turno il vincitore, Sergio Fajardo. Fajardo si rifiuta pubblicamente di sostenere i partiti politici e intende essere eletto solo per voto di opinione. Finora nessun presidente della Colombia è stato scelto senza il sostegno dei partiti.

La coalizione Centro Esperanza ha ricevuto 2.158.575 voti domenica scorsa e Fajardo è passato da oltre 4,5 milioni di voti nel primo turno presidenziale del 2018 a soli 723.084 voti il ​​13 marzo nelle consultazioni. Senza l’appoggio dei partiti – che lui respinge – e con un voto così basso sia per il candidato che per la coalizione, le possibilità che il Centro Esperanza riesca al primo turno sono molto scarse. IlL’unica opzione per vincere di Fajardo è che più di 8 milioni di colombiani indipendenti abbandonino la storica politica di astensione e votino per lui.

READ  Il ministero degli Esteri russo impone sanzioni a 398 membri del Congresso degli Stati Uniti

Ma ci sono altri candidati in difficoltà maggiori di Fajardo che si sfideranno comunque al primo turno. È chiaro che Ongrid Betancourt insisterà per arrivare da solo il 29 maggio, pronto anche a sconfiggere il meccanismo che, come abbiamo appena visto, domenica scorsa ha portato più di 18 milioni di cittadini a votare per il Congresso.

Betancourt è stata adottata dal suo partito, Verdi Oxygeno, il cui carattere è stato ripristinato dai tribunali, come era avvenuto con il neoliberismo. L’unica donna a candidarsi alla presidenza appare molto bassa nei sondaggi sull’intenzione di voto, ma ha affermato nei dibattiti che andrà al secondo turno e che sconfiggerà Petro. La sua unica speranza è conquistare elettori indipendenti come Fajardo.

Anche l’ingegnere di Santander, Rodolfo Hernandez, mantiene la sua decisione di andare da solo al primo turno. La sua grande attrazione fin dall’inizio è che non farà alleanze con nessuno. La sua salvezza sta anche nell’aggiungere voci più indipendenti, ma alla luce dei fatti tende a scendere.

Al primo turno parteciperà anche il reverendo John Milton Rodriguez della Colombia Justa Liberace a nome delle varie chiese cristiane.

Enrique Gómez Martinez arriva come candidato alla presidenza con la Salvation Nacional, il partito che ha ereditato dallo zio conservatore Alvaro Gómez Hurtado. Gomez Martinez ha presentato le sue liste al Congresso domenica scorsa e ha ricevuto solo 29.102 voti, il che non fa ben sperare per lui avere alcuna possibilità di successo nella corsa presidenziale.

I sette candidati presidenziali sopravvissuti al secondo turno Ora hanno 72 giorni per conquistare la fiducia degli 8 milioni di colombiani che non si sono recati alle urne domenica scorsa, ma lo faranno il 29 maggio. Questo è il segreto per vincere la presidenza.